Alla Scuola di Formazione e Orientamento Musicale proposte per tutte le età e i gusti

La Sfom, la Scuola di Formazione e Orientamento Musicale, ha infatti presentato ieri pomeriggio la sua offerta formativa per l'anno scolastico 2014/2015 che vede al suo interno diversi aspetti innovativi rispetto agli scorsi anni.
Cultura

Tante novità, e un’attenzione sempre crescente verso i giovanissimi e verso i diversamente abili.
La Sfom, la Scuola di Formazione e Orientamento Musicale, ha infatti presentato ieri pomeriggio la sua offerta formativa per l’anno scolastico 2014/2015 che vede al suo interno diversi aspetti innovativi rispetto agli scorsi anni.

Novità che si connettono, ampliandole, alle direttive da sempre presenti nelle proprie offerte: “L’obiettivo – spiega la coordinatrice Sfom Agnese Di Trani – è quello della promozione musicale sul territorio e di mantenere la flessibilità di una scuola che guarda alla musica colta ma anche ad altri linguaggi specifici e alla varietà di generi come la musica europea e non, il jazz, il rock, la musica pop e quella etnica”.

Un’ampia offerta formativa le cui iscrizioni sono aperte già dal 1° aprile e si chiuderanno il 30 giugno e che si articola attraverso diverse parti: “A fianco dei corsi ci sono i laboratori tematici – prosegue Di Trani – e gli atelier per gli adulti, assieme alle attività con i disabili realizzate assieme all’assessorato alla Sanità. All’interno della Sfom ci sono i corsi Suzuki, la rassegna ‘Cambio Musica’ (attualmente in svolgimento e che terminerà il 31 aprile), la presenza alla rassegna ‘Les Mots’ in Piazza Chanoux e un progetto per i giovani della Cittadella”.

Altra novità importante è l’allargamento della fascia di età per iscriversi ai corsi Suzuki, che passano dai 3 ai 5 anni di età rispetto ai 4 dello scorso anno, alla concentrazione delle attività Sfom nella sede di via San Giocondo dopo lo spostamento dell’Istituto Musicale Pareggiato alla Torre dei Balivi.
Importante poi il percorso con i bambini: “Il percorso infanzia – spiega Di Trani – comincia con atelier per i bambini dagli zero ai tre anni attraverso stimoli musicali, l’atelier ‘Quattro note da piccoli’ dedicato agli utenti dai quattro ai sei anni, l’atelier Orientitivo per quelli da sei a otto anni e ‘Musica in Gravidanza’ con attività con le mamme in attesa”.

Non da meno l’offerta per i portatori di handicap: “La Sfom – specifica Remy Vayr Piova – lavora con i disabili dal 2003 attraverso i percorsi misti nelle scuole , passando dai 3 ragazzi di allora ai 22 di oggi, e che ora vede in programma i laboratori ‘Musica Diversa’, ‘Taxi Orchestra’, ‘Altre Note’ e ‘Suono Anch’io’”.

Espressione e summa del lavoro della scuola è infine la rassegna ‘Cambio Musica’ che, come spiega Marco Giovinazzo “Racchiude le eccellenze della nostra produzione musicale e si propone di fare musica attiva davanti al pubblico. Una rassegna molto ricca, con 15 appuntamenti, che vuole tenere conto della multimedialità, legandosi anche ad altri linguaggi come cinema, teatro e poesia, iniziata con l’Ouverture del 22 marzo ad Arvier e che terminerà il 31 maggio con la Camera Suzuki”.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cultura
Cultura

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte