Angelo Duro conquista la Lamezia Terme delle Alpi

Angelo Duro sbarca in Valle d'Aosta con uno show da vera stand up comedy senza risparmiare nessun argomento e nessuna categoria
Angelo Duro
Cultura

“Se tornerò ad Aosta? Magari sì, se mi andrà, solo che qui fa veramente troppo freddo e poi…c’è qualche valdostano in sala? No perché sembra di stare a Lamezia Terme. Possiamo dire che la Valle d’Aosta è la Calabria che funziona?”. Si è chiuso così lo spettacolo di Angelo Duro di martedì 20 dicembre al Teatro Splendor: 90 minuti di irriverenza e la promessa (mantenuta), di poter ridere di tutto e di tutti.

Non risparmia nessuno il comico siciliano che, per la prima volta in Valle d’Aosta, entra in scena (e ci rimane per 1 ora e mezza), da solo con il microfono, vestito di nero, come nei veri stand up comedy inglesi e statunitensi, spettacoli che in Italia solitamente vengono camuffati da one man show con l’aiuto di musiche, luci e vari effetti grafici. Il comico entra in scena in silenzio, ci rimane per alcuni minuti e poi parte in un assalto a tutto il politically correct: dagli omosessuali alle persone obese, passando per gli invalidi, i neonati e la sua immancabile ragazza, bullizzata h24 e ampiamente conosciuta da chi segue i social dell’artista.

Angelo Duro
Angelo Duro

Nello spettacolo di Angelo Duro non c’è spazio per immaginare un tema che non debba essere toccato o su cui non si debba ridere e non esiste una frontiera della decenza o un argomento che non possa finire nel tritacarne: tutto viene preso e capovolto, diventando quindi più che normale, in un gioco della cattiveria che è pura finzione, ma serve a mettere sotto i riflettori quanto la società sia spesso ipocrita e preferisca non parlare per evitare di inciampare su temi scomodi o imbarazzanti.

Uno Splendor pieno, sold out già diversi giorni prima dello show del palermitano, ha dato ragione alla Saison Culturelle che in questa stagione 22/23 più che mai ha deciso di parlare a un pubblico che prima di allora non aveva mai preso in considerazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cultura
Cultura

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte