Dario Ballantini getta la maschera e si presenta in veste di pittore a Saint-Rhémy en Bosses

L’esilarante imitatore di “Striscia la Notizia” inaugura sabato 4 luglio a Saint-Rhémy en Bosses la sua personale dal titolo “Visioni sommerse”, svelando nelle 35 tele la sua visione interiore e personale del mondo.
Cultura

Lo conosciamo per le sue divertenti, deliranti e sfacciate imitazioni su “Striscia la Notizia” ma Dario Ballantini, che dietro la maschera è uomo mite e riservato, è prima di tutto un pittore che espone da diversi anni con successo di critici e pubblico. La Valle d’Aosta si pregia di ospitare una delle sue personali: sabato 4 luglio alle ore 18, tra le prestigiose mura del castello  quattrocentesco di Saint-Remy en Bosses si inaugurerà l’esposizione di Dario Ballantini dal titolo “Visioni  Sommerse”.  Curata da Alessandro Parrella e Massimo Licinio, la mostra propone circa 35 opere del  poliedrico artista livornese, molte create espressamente per Saint-Rhémy.

Il comune di Saint-Rhémy en Bosses, da sempre luogo privilegiato di incroci culturali, è il contesto che forse meglio si addice ad ospitare la mostra di questo artista, le trasfigurazioni della realtà e della natura qui regnano sovrane tra le maschere di uno dei carnevali più suggestivi della Valle e Ballantini allo stesso modo ama nascondersi e mascherarsi, come i suoi personaggi, svelando nelle tele la sua visione interiore e personale del mondo, dove la scomposizione dell’uomo e del paesaggio è protagonista.

Ballantini deve l’imprinting al padre, pittore dilettante in stile neorealista e agli zii post-macchiaioli. Affascinato dalle opere di Guttuso e di Picasso, comincia il suo percorso artistico fin da giovanissimo, continuando ad immortalare e trasfigurare su tavola la realtà che lo circonda anche dopo il successo mediatico. La presentazione di sabato sarà arricchita dall'omaggio musicale offerto dal duo violinistico Emy Bernecoli e Giacomo Granchi. Seguirà un rinfresco con i rinomati prodotti locali, tra cui l'ottimo prosciutto di Bosses. L'esposizione resterà aperta fino al 5 settembre 2009.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cultura
Cultura
Cultura

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte