Emir Kusturica, tra musica e cinema, guest star della settimana

Kusturica, si presenta in Valle d'Aosta in una doppia veste, quella di regista, con il film 'Maradona', e di musicista, chitarra alla mano, con la "No Smoking Orchestra". Il concerto si tiene venerdì 31 ottobre al Palais di Saint-Vincent.
Cultura
Credo che cinema e musica siano forme d’espressione molto simili. Proprio quando a Sarajevo pensavano che fosse arrivato il momento di canonizzarmi, li ho spiazzati tutti diventando punk, e di quelli arrabbiati, contro i politici. Seguivo i No Smoking da un pezzo. Ho saputo che facevano un’audizione per un posto di bassista e mi sono presentato. Mi hanno preso, ma poi ho dovuto studiare: un anno chiuso in cantina a sudare per le prove. I miei generi preferiti sono il reggae e il jazz bulgaro. Da voi è assolutamente sconosciuto, ma si tratta di una cosa affascinante, piena di sapori slavi. E poi, naturalmente, la musica che ha tanta parte nei miei film. Credo che le trombe degli zingari slavi siano, in questo momento, il suono più carico d’energia da ascoltare in Europa”. Parole di Emir Kusturica, protagonista del cartellone culturale di questa settimana della Saison Culturelle. Kusturica, si presenta in Valle d’Aosta in una doppia versione, quella più propria di regista, con il film “Maradona” in programma il 28 e 29 ottobre al Cinema de la Ville, nell’ambito del “Giro del mondo in 60 film”, e in quella lontano dalla veste di regista e alle prese con la chitarra, nel concerto di venerdì 31 ottobre al Palais Saint-Vincent, con la "No Smoking Orchestra". Kusturica è, infatti, un grande appassionato di musica oltre ad essere ottimo musicista. Lo testimonia la sua presenza nella “No Smoking Orchestra”, gruppo fondato a Sarajevo nel 1980, nel quale, oltre a curare la parte estetica e scenografica dei concerti, suona la chitarra elettrica e compone grande parte delle musiche e dei testi.

Sul palco del Palais di Saint-Vincent saranno così protagoniste per un’ora e trenta, le festanti e struggenti atmosfere balcaniche, dove ritmi rock e tzigani, folk e punk si fondono in una straordinaria commistione di musica e strumenti, ripieni di energia e spumeggianti performance.
Nenad Jankovic, vero nome del cantante del gruppo, meglio conosciuto come Dr. Nelle Karajilic, è il vero protagonista della serata, autentico mostro dell’entertainment a 360 gradi, padrone di una stupenda voce e di un ottimo talento da intrattenitore, in grado di alternare performance esilaranti e grottesche a momenti struggenti, seguendo proprio quello stile “balcanico” che Emir Kusturica, con i suoi film, ci ha abituato ad associare alle sue terre e alla sua cultura.
"C’è un fondo di humor nero in noi – commenta ancora Kusturica – Io stesso sono profondamente convinto che anche il momento più tragico della nostra vita contiene il suo opposto: un nucleo di commedia. Scoprirlo è un modo per reagire agli eventi. Per questo faccio rock, per questo ho ripreso la chitarra bassa. È un modo come un altro per denunciare una certa razionalità posticcia che vede tutto il nero da una parte e tutto il bianco dall’altra". Il concerto, in collaborazione con l’Antenna locale
di informazione Europe Direct Vallée d’Aoste, si inserisce nel quadro dell’Anno europeo del Dialogo Interculturale, che intende sensibilizzare, in particolare i giovani, sull’importanza di sviluppare una cittadinanza europea attiva e aperta sul mondo, rispettosa della diversità culturale e artistica
di ognuno.

Cinema “Il giro del mondo il 60 film”
Maratona di Kusturica” con Diego Armando Maradona,
Da Buenos Aires a Napoli, passando per Cuba, Kusturica rintraccia la vita di quello straordinario personaggio che fu ed è Diego Armando Maradona, dalle umili origini fino alla fama mondiale, dalla spettacolare ascesa fino al drammatico declino. Un documentario che affronta il mito.
Spagna, Francia 2008 – 95 minuti
Proiezione:
28 ottobre 2008 – Ore 16 e 20
29 ottobre 2008 – Ore 18 e 22
Aosta, Cinéma de la Ville

 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cultura
Cultura
Cultura

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte