Francesco De Gregori ad Aosta con gli Orage per la prima prova ufficiale

Il cantautore romano si è incontrato con gli Orage per la prima prova ufficiale in previsione del concerto del 2 febbraio sul palco del Palais di Saint-Vincent. Giornata full immersion tra i brani nuovi, quelli storici, e i pezzi originali dei valdostani.
Francesco De Gregori e gli Orage - Ph. M.Vignolini
Cultura
“Sono curioso di lavorare con L’Orage. Sono musicisti coraggiosi e innovativi. Si sono avvicinati alle mie canzoni con intelligenza e rispetto ma anche con una gran voglia di rileggerle in una chiave musicale diversa, e il risultato è sorprendente. Sono felice di incontrarli sul palco, sicuramente ci divertiremo”. Francesco De Gregori lo dichiarava pochi giorni fa e quella curiosità espressa è stata soddisfatta venerdì 18 gennaio a Sarre presso lo studio Meat Beat, dove i sette musicisti de L’Orage e Francesco si sono tuffati in una full immersion musicale, intervallata da pause sigaretta, bicchieri di vino rosso, sorrisi, chiacchiere, due tegole e tanto altro. In un clima sereno, piacevole e rilassato le prove per lo spettacolo del 2 febbraio 2012 al Palais di Saint-Vincent per la Saison Culturelle sono volate.
 
In una sala prove piena di strumenti, cavi, microfoni e tanta energia, pentagrammi noti e nuovi si sono alternati tra le voci e gli strumenti di Francesco De Gregori, Alberto Visconti, Vincent Boniface, Remy Boniface, Florian Bua, Memo Crestani, Ricky Murray e Stefano Trieste. Hanno provato i brani dei primi album di De Gregori, quelli che non ci si stanca di ascoltare mai perché vecchi sì ma sempre aggiornati, poi i brani del nuovissimo “Sulla Strada”, l’ultimo lavoro del cantautore romano, e poi ancora i brani meno frequentati, gioielli nascosti, il tutto inframmezzato dai brani originali de L’Orage, contenuti nei due album “Come una Festa” e “La Bella Estate”.
 
Alberto Visconti, chitarra in mano, accompagna le canzoni di Francesco, i due si scambiano sguardi, il brano scorre veloce, poi l’ultimo tocco di bacchetta sulla batteria, l’ultimo accordo, l’ultima nota, una sospensione, lo stop del pezzo e un solo commento “buono”. Tutti sono soddisfatti con un entusiasmo trattenuto che si legge negli sguardi, nei sorrisi, in quel inclinare la testa verso il basso quasi a dire “E’ tutto vero, ci siamo”. E’ la prima prova che fanno tutti insieme dopo che L’Orage ha inciso gli arrangiamenti da sottoporre a De Gregori, che con piacere ha prestato il proprio repertorio ai valdostani vincitori assoluti di Musicultura 2012 affinché lo rimodellassero.
 
Ci sono corde che vibrano all’unisono in sala prove e non sono quelle degli strumenti, sono quelle del cuore, di una sinergia profonda che si è creata. De Gregori arrivato giovedì sera da Roma, accompagnato da due amici del suo staff, ha passato la serata con gli Orage e familiari in un clima di amicizia reso tale dalla sensibilità di Francesco, dal piacere della condivisione e dello stare insieme. Venerdì sera si sono poi salutati, dopo un’intensa giornata. L’ultimo bicchiere di vino, l’ultima sigaretta nel freddo pungente di Sarre, una stretta di mano, un abbraccio e poi “ci vediamo sul palco il 2 febbraio”. Tutto così semplicemente, come si fa tra professionisti.
 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cultura
Cultura
Cultura

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte