«Hans Erni : de Martigny à Etroubles» il “Picasso elvetico” in mostra

Fino al 18 settembre, nel Centro Espositivo di Etroubles in rue des Vergers, una quarantina di opere di alto livello del 102enne Hans Herni presentano la poliedricità di un artista amato e inarrestabile nonostante l’età.
Lucerna 19 febbraio 2011 – Hans Erni con Léonard Gianadda e Massimo Tamone.
Cultura

Pittore elvetico di fama mondiale, Hans Erni, torna protagonista ad Etroubles con la mostra « Hans Erni : de Martigny à Etroubles…», inaugurata sabato 18 giugn. L’evento espositivo propone una quarantina di opere di alto livello, principalmente pitture e tempere, insieme ad alcune litografie, testi bibliografici dedicati dallo stesso Erni, illustrazioni e qualche ceramica. A testimoniare lo spessore culturale dell’evento sono gli enti organizzatori: la Fondation Pierre Gianadda di Martigny e la Fondazione Hans Erni di Lucerna.

Di Hans Erni per le vie del centro del borgo del Grand Combin il pubblico dal 2004 ha modo di ammirare l’enorme Pegaso in ceramica lavica che fa parte del noto Museo a cielo aperto del paese “Á Étroubles, avant toi sont passés…”. Hans Erni, definito il "Picasso elvetico", nato a Lucerna il 21 febbraio 1909 e ancora in attività, non era presente all’inaugurazione ma Léonard Gianadda alla fine del suo discorso ha contattato telefonicamente l’artista che stava lavorando nel suo atelier di Lucerna da dove ha salutato tutti i presenti ed ha ricevuto il caloroso applauso dal numeroso pubblico presente.

Un ringraziamento doveroso il sindaco Massimo Tamone lo ha voluto fare alla Fondation Pierre Gianadda di Martigny e al suo Presidente Léonard Gianadda – cittadino onorario di Etroubles –, alla Fondation Hans Erni di Lucerna e ai numerosi collezionisti privati di Martigny che hanno messo a disposizione per i prossimi tre mesi le preziose opere di Erni.
Un catalogo è stato editato e pubblicato per l’occasione dalla Fondation Pierre Gianadda di Martigny, inoltre un documentario sulla vita di Hans Erni e sulla sua visita ad Etroubles, il 10 novembre 2005, è proiettato all’interno della sala espositiva.
L’iniziativa è stata sostenuta in particolare da Fondazione CRT, la Comunità Montana Grand-Combin, l’Assessorato Istruzione e Cultura della Regione Autonoma Valle d’Aosta, la Fondazione Comunitaria della Valle d’Aosta, la Società Savda, la Società Cooperativa Elettrica Gignod, la Società Etroubles énergie, la Musumeci S.p.A. e l’Eni. La mostra, patrocinata da Micheline Calmy-Rey Presidente della Confederazione Elvetica, è aperta tutti i giorni dalle ore 11 alle ore 20, fino al 18 settembre, nel Centro Espositivo di Etroubles in rue des Vergers.
 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cultura
Cultura

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte