Hitchcock apre la XXII edizione del Noir in Festival

Il sipario sulla manifestazione si alzerà con la presentazione della ”prima” del film di Sacha Gervasi “Hitchcock”. Il 12 dicembre sarà presentata l'ultima pellicola di Salvatores, il 15 Frankenweenie e "La regola del silenzio" di Robert Redfort.
Cultura

Si apre e si chiude con il botto la XXII edizione del Noir in Festival. Il sipario sulla manifestazione si alzerà con la presentazione della ”prima” del film di Sacha Gervasi “Hitchcock”, la pellicola dedicata al maestro del brivido, interpretato sul grande schermo da Anthony Hopkins con Helen Mirren e Scarlett Johansson. Alla proiezione, in programma lunedì 10 dicembre alle 21.30 al PalaNoir sarà presente il regista.

"Riteniamo che questo festival – ha sottolineato l’Assessore regionale al Turismo, Aurelio Marguerettaz –  ha dei contenuti molto importanti e quest’anno abbiamo forzato ancora di più la sua collocazione temporale rispetto ad altre manifestazioni che vengono organizzate quando le nostre località sono già piene di gente".

Salvatores sceglie Courmayeur per presentare la sua ultima fatica
Altra prima nel calendario del Festival è quella con l’ultimo film di Gabriele Salvatores, “Educazione siberiana” tratto dal romanzo di Nicolai Lilin. L’autore del libro cosi come Salvatores saranno a Courmayeur assieme ai due giovani attori lituani, Arnas Fedaravicius e Vilius Tumalavicius, mercoledì 12 dicembre alle 12.45 al Jardin de l’Ange. Tratto dal romanzo omonimo, diventato un caso editoriale, il nuovo film di Gabriele Salvatores mette in scena la comunità siberiana. Il film racconta il passaggio dall’infanzia all’adolescenza di due amici Kolima e Gagarin, da sempre educati al rispetto delle regole siberiane, che di fronte all’avanzare del consumismo e della globalizzazione, si ritroveranno a prendere strade diverse. Tra i protagonisti del film vi sono anche John Malkovich, Peter Stormare e Eleanor Tomlinson.

…Tim Burton, Robert Redfort e Don Winslow
Il 15 dicembre invece l’ultimo Tim Burton, il cartone Frankenweenie – “il migliore” secondo Giorgio Gosetti, direttore del Noir in Festival – si potrà ammirare, gratuitamente, fino a esaurimento dei posti, sugli schermi del PalaNoir.
In chiusura una giornata dedicata al cinema americano con la prima del nuovo film di Robert Redford, "La regola del silenzio" (sabato alle 18.30).
Altro appuntamento da non perdere sarà quello con Don Winslow, autore de "Le belve", al quale giovedì 13 dicembre alle 21.30 al PalaNoir verrà consegnato il Raymond Chandler Award.

La caccia all’uomo proposta da FoxCrime
Il Festival esce poi all’aperto e arriva per le strade di Courmayeur con una caccia all’uomo organizzata dagli investigatori di FoxCrime. Tutto comincerà con la misteriosa aggressione al Direttore. Il gioco è aperto alla partecipazione di tutti che aiutando a raccogliere gli indizi e a risolvere il caso, potranno concorrere a vincere uno schermo led da 40 pollici. Per giocare basta collegarsi al sito www.foxcrime.it. Chi potrà ovviamente seguire sul posto le indagini, partecipando al confronto finale tra i sospettati (sabato 15 dicembre alle 18 al PalaNoir) alla presenza di Chloe Saint Laurent, la detective della serie tv Profiling, avrà maggiori possibilità di trovare il colpevole.

…i "Vip" attesi a Courmayeur
A contendersi infine quest’anno il Leone Nero saranno 10 film in concorso che verranno giudicati da una giuria composta da Francesca Neri e Franziska Petri, dai registi Santiago Amigorena, Pippo Delbono e Jennifer Lynch. Tra i cinque fuori concorso c’è anche l’esordio da produttore di Luca Argentero con "Cose cattive" di Simone Gandolfo. Argentero sarà presente a Courmayeur cosi come Dario Argento, il vincitore dell’Emmy Award René Balcer, Lucas Belvaux, Guido Caprino, Chiara Conti, Carl Colby, Jérôme Cornuau, Carolina Crescentini, madrina del festilval, Marta Gastini, Claudia Gerini, Sacha Gervasi, Alice Lowe, Alberto Rodriguez, Gabriele Salvatores, Maya Sansa, la protagonista di Profiling Odile Vuillemin, gli autori italiani Toni D’Angelo, Simone Gandolfo, Davide Marengo e il nuovo re dell’horror Federico Zampaglione.

Per la letteratura, tra gli scrittori proposti quest’anno: Lisa Ballantyne (Il colpevole, Giano), Massimo Carlotto (Respiro corto, Einaudi), Roberto Costantini (Alle radici del male, Marsilio), Franco Di Mare (Il paradiso dei diavoli, Rizzoli), Lotte e Søren Hammer (Tutto ha un prezzo, FoxCrime-Feltrinelli), John Katzenbach (L’uomo sbagliato, Fazi), Massimo Lugli (Gioco perverso, Newton Compton), Elmer Mendoza (Il cartello del Pacifico, La Nuova Frontiera), David Vann (Da dove vengono i sogni, Bompiani), Nick Vivarelli (Slalom, Manni), Kate Williams (Il piacere degli uomini, Mondadori), Evan Wright (Il re, Piemme) e i “Magnifici Cinque” finalisti del Premio Giorgio Scerbanenco.

 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cultura
Cultura

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte