I due premi Strega Desiati e Raimo inaugurano la Saison Littérature

Veronica Raimo e Mario Desiati hanno tracciato una linea immaginaria tra Aosta e Berlino disseminandola di sguardi diversi sul mondo.
Saison Culturelle Littérature
Cultura

Una rassegna neonata, che, da un solo anno, amplia i linguaggi comunicativi della sorella maggiore, la Saison Littérature, dopo i primi passi dell’edizione 2021/2022, ora inizia a sentirsi e a presentarsi ancora più strutturata e interessante, debuttando con due pesi massimi di questo anno letterario: Mario Desiati e Veronica Raimo, rispettivamente Premio Strega e Premio Strega Giovani 2022.

La prima serata della sezione letteratura della Saison ha lanciato (e rispettato), il titolo di quest’anno: Scrivere Raccontare e Raccontarsi, con due autori in grado di raccontarsi raccontando i loro percorsi, il cambio di vita dopo il Premio Strega (se c’è stato e se è stato sostanziale), Berlino, la città in cui entrambi si sono trasferiti e hanno vissuto per diverso tempo, trovandovi dapprima un luogo dove tutto il potenziale potesse esprimersi e in seguito una città come le altre, per poi rientrare in Italia.

Una serata sempre sul filo delle similitudini tra i due autori, con una costante e colta ironia ideale per raccontare due romanzi non per forza complessi, ma in grado di dipingere mondi, generazioni e un senso di estraniamento dalla vita, dalla scrittura come processo e dall’elaborazione spesso di sentimenti e avvenimenti.

Saison Culturelle Littérature
Saison Culturelle Littérature

Se Desiati conduce il lettore nei mondi di Claudia e Francesco, nelle relazioni fluide che raccontano di un mondo vario e diverso che sempre più elimina i limiti nell’approccio interpersonale con il suo Spatriati, attraverso il quale indaga le connotazioni di una parola che nel suo dialetto significa “diverso” e “che si chiama fuori dal branco, dall’opinione comune”, la Raimo ha invece vinto lo Strega Giovani 2022 con un romanzo che ci tiene a precisare non è un mémoire, ma in ogni caso contiene molto di lei, anche attraverso il titolo Niente di Vero, dove Vero diventa sia verità che Veronica.

Indagare, raccontare e mettere sotto i riflettori sensazioni e relazioni che possono cambiare, palesarsi o nascondersi è stato uno dei fil rouge della serata che ha collegato, per 90 minuti, Aosta e Berlino con una linea immaginaria disseminata di sguardi diversi sul mondo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cultura
Cultura
Cultura

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte