Riapre il Castello di Aymavilles, “ottava meraviglia dell’offerta culturale valdostana”

Nel primo weekend di apertura ingresso gratuito. Previsti momenti di intrattenimento e attività dedicate alle famiglie. Visite libere o accompagnate (alle 11.30 e alle 15.30).
Castello di Aymavilles estermi
Cultura

L’”ottava meraviglia dell’offerta culturale valdostana” da sabato 14 maggio sarà liberalmente fruibile al pubblico. Dopo l’anteprima natalizia, una “prova generale che ci ha aiutato a ritarare aspetti sui percorsi e le visite” ha spiegato Viviana Vallet, dirigente dei Beni storico-artistici della sovrintendenza ai Beni e alle Attività culturali, il castello di Aymavilles apre definitivamente. Assieme al Gamba di Châtillon, è l’altro “castello-museo” , che offre dei supporti multimediali alla visita con dei percorsi appositamente pensati per adulti, ragazzi e bambini. A quest’ultimi sarà dedicata una serie di attività laboratoriali, di cui si potrà avere un assaggio nel primo weekend di apertura gratuita.

“La visita libera consentirà di prendersi il giusto tempo per esaminare immagini evocative del castello” ha evidenziato ancora Vallet.  Le proposte multimediali interessano l’albero genealogico della famiglia Challant, il castello nelle sue varie stagioni, le foto in bianco e nero montate come dei filmini muti sulle frequentazioni della famiglia Bombrini al castello. Nel sottotetto trova spazio un maxischermo che permette di comprendere le diverse fasi di costruzione del castello e una sala didattica con uno tavolo touch-screen. Le sale del castello ospitano inoltre la collezione dell’Académie Saint-Anselme.

Sono ancora oggetto di lavori, sotto la supervisione di un architetto paesaggista, i giardini. L’obiettivo è di ricostruire il loro aspetto settecentesco, lavorando in particolare sulle rose. Già oggi la visita all’interno del Maniero è accompagnata da un’essenza di rose.
Sarà più lungo invece il lavoro che interesserà i sotterranei e i cunicoli del castello. “Diventerà una parte interconnessa alla vita. Stiamo in particolare studiando di ripristinare le cucine”.

“Questa riapertura non è per noi un traguardo, ma un punto di partenza” ha sottolineato la sindaca di Aymavilles, Loredana Petey “che ci permetterà di ampliare la nostra offerta culturale, che già oggi può contare su altre due perle come il Pont d’Ael e la cripta di Saint-Léger” .

Acquistato nel 1973 il castello di Aymavilles entra a far parte del circuito dei manieri, otto in tutto, che sono aperti al pubblico. “Abbiamo in Valle d’Aosta un centinaio di castelli, che vengono monitorati.  – ha ricordato l’Assessore alla Cultura Jean-Pierre Guichardaz –  Sarebbe bello acquistare tutto, ma dobbiamo fare i conti con le spese di gestione e i limiti di risorse e personale che abbiamo”.

Oltre alle visite libere, tutti i giorni saranno a disposizione due visite guidate alle 11.30 e alle 15.30, dal costo di 12 euro (25 per famiglie). All’ingresso saranno inoltre disponibili delle audioguide al costo di 2 euro, in lingua francese, inglese e italiano.

I laboratori del primo weekend di apertura gratuita

Nel primo weekend di apertura la tariffa sarà gratuita per tutti i visitatori che accederanno al castello e al parco. Le giornate saranno allietate da momenti di intrattenimento e da attività gratuite dedicate in particolare alle famiglie.

Sabato mattina, alle ore 10, 11 e 12 è in programma “Il Teatrino Kamishibai”, per i bambini fino a 10 anni. Una forma di spettacolo giapponese in cui le illustrazioni sono accompagnate da racconti ed effetti sonori, in riferimento alle graziose e raffinate scenette di ambientazione orientale raffigurate all’interno del castello.

Sabato pomeriggio, alle ore 15, 16 e 17, ancora per i bambini fino a 10 anni, appuntamento con la narrazione del racconto Il magico castello di sabbia, appositamente ideato e teatralizzato per il castello di Aymavilles.

Domenica mattina, alle ore 10, 11 e 12 “I Musicattoli“, un laboratorio dedicato a due fasce di età (3-5 e 6 -10 anni), in cui i bambini potranno costruire da soli il proprio giocattolo sonoro. Il Castello Indovinello, per bambini dai 3 anni in su, è uno spettacolo di burattini il cui protagonista attraversa boschi e castelli alla ricerca di un premio speciale.
Domenica pomeriggio, alle ore 15, 16 e 17 verrà replicato l’appuntamento con le Fiabe del Castello (fino a 10 anni) e il  Il Castello Indovinello (bambini dai 3 anni in su).

La prenotazione delle attività per bambini è obbligatoria chiamando il numero 0165-524929 dal lunedì al venerdì (ore 10-15.30), a partire dal 2 maggio 2022.
Le visite al castello saranno libere, ma si consiglia comunque la prenotazione dal 2 maggio

Castello Aymavilles
Castello Aymavilles

Il costo del biglietto

Le tariffe per l’ingresso al Castello saranno in seguito di 9 euro per il biglietto intero, 7 il ridotto, gratuito 0- 25 anni. Fino al 30 settembre il maniero sarà aperto tutti i giorni dalle 9 alle 19, dal 1° ottobre al 31 marzo, dalle 10 alle 18, chiuso il lunedì.

Dal 1° luglio cambiano le tariffe anche degli altri beni culturali valdostani

Con l’ingresso del Castello di Aymavilles nel circuito regionale, “in considerazione degli importanti e frequenti lavori di adeguamento, restauro e manutenzione, nonché del maggior numero di attività e iniziative organizzate durante tutto l’anno nei diversi castelli, destinate a target molteplici e variegati”, la Regione ha deciso di adeguare a partire dal 1° luglio 2022 le tariffe attualmente in vigore per l’accesso nei siti culturali di proprietà dell’amministrazione regionale. Il biglietto per il castello di Fénis passerà quindi dagli attuali 7 a 9 euro, quello di Sarre da 5 a 8.

Tariffe 1° luglio 2022 castelli
Tariffe 1° luglio 2022 castelli

Resta confermato invece il prezzo di 10 euro del biglietto cumulativo Aosta Archeologica (Teatro romano, Criptoportico forense, Chiesa paleocristiana di San Lorenzo MAR-Museo Archeologico regionale e Area Megalitica di Aosta), anche in considerazione dei lavori che insisteranno su alcuni siti nell’ambito del progetto “Aosta Est”.

L’adeguamento delle tariffe porta anche alla revisione delle  card castelli esistenti (card Privilège e card Fidélité).

Abbonamenti Card Castelli
Abbonamenti Card Castelli

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cultura
Cultura