Il Conservatoire inaugura l’anno accademico 2023/4

Le musiche di Saverio Mercadante e Wolfgang Amadeus Mozart hanno inaugurato nel pomeriggio di ieri, sabato 2 dicembre, l’anno accademico 2023-2024 del Conservatoire de la Vallée d'Aoste, precedute dai saluti delle autorità istituzionali.
Orchestra
Cultura

Inaugurato nel pomeriggio di ieri, sabato 2 dicembre, nell’Auditorium Renato Callisto Alliod, l’anno accademico 2023/24 del Conservatorio della Valle d’Aosta. A introdurre il concerto dell’orchestra, esprimendo ringraziamenti alla collettività e soddisfazione per l’attuale posizione dell’Istituto, la sua presidente Giovanna Sampietro: “Nonostante il nostro istituto non abbia aderito al processo di statizzazione, rimanendo l’unico non statale e correndo il rischio di essere monade isolata, il Conservatoire è stato ricompreso a pieno titolo nelle procedure avviate dal MIUR e si è visto riconoscere un finanziamento annuale integrativo, grazie a cui è stato anche possibile procedere con l’indizione di 4 concorsi per un totale di 5 posti a tempo indeterminato”.

La musica come conoscenza, trasformazione e opposizione

Negli interventi istituzionali che hanno introdotto il concerto, la musica è stata via via fotografata come arte e strumento di pensiero, conoscenza e resistenza. Leggendo l’attualità alla luce delle parole del Candide di Voltaire che descrivono la violenza e quelle di Shakespeare di La Tempesta che intimano ad ascoltare la musica, Sampietro ha messo in luce il carattere pragmatico del Conservatorio: “Siamo tutti chiamati ad agire, creando solidarietà oppositiva. Con la nostra presenza e il nostro lavoro qui vogliamo dimostrare che un riscatto è possibile”.

A unirsi a lei, la dirigente dell’Istituto Marinella Tarenghi che, individuando nella natura inclassificabile per età, anagrafica, nazione, regione di provenienza o livello di competenza dei membri del conservatorio il cuore identitario e pulsante dell’Istituto, ha evidenziato come il cambiamento sia proprio nella natura eterogenea della comunità che lo compone: “La musica e l’arte possono essere strumenti efficaci per trasformare il mondo e reagire”.

Nelle parole di Jean-Pierre Guichardaz, Assessore ai Beni e alle attività culturali, Sistema educativo e Politiche per le relazioni intergenerazionali, il Conservatorio è da sempre crocevia culturale dei valdostani e luogo in cui ascoltare e scoprire se stessi: “La storia di tanti valdostani intercetta nel suo scorrere la storia del conservatorio: chi lo conosce, ha la possibilità di incontrare quegli elementi di crescita personale e di maturare quel senso critico che rendono responsabili e consapevoli della propria identità e delle proprie radici”.

G Sampietro
La presidente dell’Istituto Musicale Pareggiato – Conservatoire de la Vallée d’Aoste Giovanna Sampietro

La musica di Saverio Mercadante in Valle d’Aosta

Durante l’inaugurazione, l’orchestra dell’Istituto si è esibita nel Secondo Decimino in Mi♭ maggiore (1858) – Allegro giusto, Minuetto di Saverio Mercadante concertata da Selene Framarin e nel Divertimento in Re maggiore KV136 – Allegro Andante Presto di Wolfgang Amadeus Mozart concertata da Fabrizio Pavone. 

Perché suonare oggi Mercadante? A spiegarne le motivazioni e a raccontare la figura di questo affascinante compositore italiano dell’Ottocento, Jefferson Curtaz: “Mercadante non è mai stato ad Aosta, ma la sua musica è giunta qui. Ci siamo accorti della presenza dei suoi manoscritti autografi nella torre della biblioteca. L’editore Suvini Zerboni li ha visionati e ha proposto una collaborazione volta alla pubblicazione di 4 titoli: ne è quindi nato un progetto di ricerca sostenuto dal Consiglio di Amministrazione. Abbiamo già pubblicato due quartetti, seguirà a breve il decimino e un quarto titolo chiuderà la collaborazione. Sapere che in Italia un compositore dell’Ottocento si è dedicato a scrivere musica strumentale in un panorama che ruotava attorno al teatro, alla musica d’opera e alla musica vocale è un fatto rilevante dal punto di vista storico e musicologico che vogliamo condividere con voi”.

2 risposte

  1. Grazie per il bell’articolo sull’inaugurazione dell’Anno Accademico del Conservatoire!

  2. Grazie per il bell’articolo sull’inaugurazione dell’Anno Accademico del Conservatoire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte