Cultura e spettacolo di Redazione AostaSera |

Ultima modifica: 15 Ottobre 2018 14:38

Il FAI Giovani Aosta sbanca a Morgex

Morgex - Più di 200 persone hanno risposto alla Giornata d'Autunno del Fai. Per l'occasione la famiglia Jaccod-David ha aperto lo studio degli storici orologiai

Giornate Fai MorgexGiornate Fai Morgex

Due visite guidate alla scoperta del borgo di Morgex e delle vigne attigue all’abitato. Il Fai Giovani ha riproposto una giornata alla (ri)scoperta dei comuni valdostani (l’anno scorso protagonista Sarre) e quest’anno è stato scelto il paese dell’Alta Valle, noto per la Tour de l’Archet e per la chiesa di Santa Maria, ma che ha saputo meravigliare i visitatori con alcune chicche speciali.
Per l’occasione la famiglia Jaccod-David ha aperto al pubblico lo studio degli storici orologiai Flli Jaccod, gli ultimi della Valle, in attività dalla fine del 1800 agli anni ’80 del 1900. Il pubblico ha potuto anche unire alla scoperta culturale dei momenti enogastronomici che per il Fai Giovani Aosta rappresentano un importante tassello del patrimonio materiale della regione; la visita è stata cadenzata dalla degustazione del caffé Artari, degustato nella centralissima via Valdigne e proveniente dalla storica torrefazioni di Morgex, e dal vino della Cave du Mont Blanc, apprezzato in mezzo ai bellissimi vigneti del Prié Blanc.

Il sostegno e l’appoggio delle aziende di Morgex è stato fondamentale per la riuscita della giornata, come spiega la referente del Fai Giovani Aosta, Valentina Borre: “Siamo molto soddisfatte del risultato, la nostra seconda edizione delle Giornate Fai d’autunno ha richiamato più di 200 persone per la scoperta di Morgex. Assolutamente apprezzata l’apertura dello studio dei Fratelli Jaccod chicca della giornata. La cosa che più ci fa piacere è sapere che le persone apprezzano il nostro sforzo organizzativo: quest’anno un ringraziamento particolare alla Fondazione Natalino Sapegno e agli sponsor enogastronomici Torrefazione Artari e Cave du Mont Blanc, perché non di sola arte vive l’uomo! Ovviamente l’enogastronomia è un forte richiamo. Siamo felici e orgogliose che due aziende storiche e così importanti abbiamo creduto in noi e ci abbiamo aiutati, vorremmo ringraziare quindi Mario Artari e Nicola Del Negro. Oltre a loro anche Claudine David e Luciana Jaccod, che, con la loro disponibilità, hanno permesso ai visitatori di scoprire una vera chicca come lo studio degli orologiai aprendoci la loro abitazione”.

Per rimanere sempre aggiornati sulle prossime iniziative del Fai Giovani basta consultare la pagina Facebook del gruppo.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>