Il Festival Médiéval ritorna protagonista al Castello di Cly

Primo appuntamento della rassegna questa domenica, 4 luglio, con il concerto “Il Medioevo. Danze, Madrigali, Ballate e Liriche” a cura del VoiceEnsemble degli artisti del teatro La Scala di Milano, accompagnati dai Canavisium Moyen Age
Cly
Cultura

Sarà il VoiceEnsemble degli artisti del teatro La Scala di Milano, accompagnati dai Canavisium Moyen Age ad inaugurare la seconda edizione del Festival Médiéval nella magica cornice del Castello di Cly. Il concerto “Il Medioevo. Danze, Madrigali, Ballate e Liriche”, in programma nel pomeriggio di domenica 4 luglio, è il primo dei quatto appuntamenti della rassegna, organizzata dall'Associazione culturale Il Maniero di Cly, che propone un assaggio degli aspetti più importanti della vita medievale: la  recitazione, la musica, il grottesco, il serio, il ludico, il sacro ed il profano.

Dopo la musica, sarà il teatro protagonista del Festival con l’esibizione il 30 luglio alle ore 21 della compagnia teatrale Sinequanon che proporrà lo spettacolo “Insoliti. I Perdenti:Calandrino”. Il Decameron di Boccaccio verrà invece messo in scena il giorno successivo, il 31 luglio,  sempre alle ore 21. “Da Boccaccio a Pasolini: Il Decameron”, il titolo dell’appuntamento, curato, diretto e interpretato da Oreste Valente, “propone  – si legge in una nota – un Decameron visto con gli occhi del poeta e del regista. Ascolteremo le più interessanti novelle del Boccaccio, in contrapposizione alla vita e descrizione del Decameron fatta da Pasolini, con la particolarità di sentire brani musicali citati dal poeta stesso nelle sue opere. “

Infine il 1° agosto doppio appuntamento con dalle 19.30 la degustazione a corte, di vini e prodotti gastronomici locali, e a seguire il concerto “Tempus est iucundum” dell’Ensemble marchigiano Errabundi Musici.  La rassegna si concederà dal pubblico inoltre presentando l’esposizione “Evoluzione stilistica del costume nell’Alto Medioevo”.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cultura
Cultura

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte