Laboratori per bambini, didattica e ‘videoguide’, ecco le novità per l’estate al Castello Gamba

Il museo d'Arte moderna e contemporanea di Châtillon ha presentato stamattina le nuove attività in programma per l'estate. Da sabato 31 maggio partirà inoltre il servizio delle 'videoguide' per interagire con le opere.
Presentazione delle attività estive del Castello Gamba
Cultura

Il Castello Gamba di Châtillon si prepara alla stagione estiva e presenta le sue attività in programma, tracciando anche un bilancio a poco più di un anno e mezzo dall’inaugurazione avvenuta nell’ottobre 2012.

La prima novità riguarda l’offerta culturale che il museo d’arte moderna e contemporanea dedica alle famiglie, al pubblico adulto e ai bambini della scuola: “Per l’estate abbiamo in programma – spiega Alessia Favre, funzionario della Struttura restauro e valorizzazione – per i diversi tipi di pubblico, una proposta d’eccellenza perché l’arte diventi parte dei processi di crescita. Si tratta di un avvicinamento al museo e all’arte contemporanea per gli adulti e due nuove proposte: ‘I linguaggi dell’arte’ e ‘A tu per tu con l’artista’ che consiste nell’incontro con i creatori delle opere, ciò che rende unica l’arte contemporanea”.
L’offerta si concentra anche sulle famiglie, bambini e didattica: “La sezione ‘Kids’ – prosegue Favre – è la vera ‘volée’ del Gamba, con l’attivazione di laboratori e un’esperienza di arte in famiglia che può condizionare l’avvicinamento degli utenti al patrimonio. Il museo poi è uno strumento didattico importantissimo, e ad oggi abbiamo avuto 3200 allievi, quasi due classi al giorno, quotidianamente”.

Proposta culturale alla quale si lega un’altra novità considerevole: da sabato 31 maggio il Gamba si aprirà alla tecnologia, adottando un nuovo sistema di ‘videoguide‘ per interagire ulteriormente con il museo e le opere che contiene: “È un nuovo servizio per l’utenza – spiega la funzionaria Viviana Vallet – che consiste nel prestito di guide audiovisive su tablet Samsung Galaxy da 7” per favorire la lettura critiche delle opere esposte. Un’interfaccia semplice e intuitiva che permetterà di approfondire 48 delle 150 opere esposte attraverso 140 minuti di tracce audio con introduzioni per ogni sala, biografie degli artisti, le tecniche utilizzate, nozioni iconografiche e stilistiche, notizie introduttive sulla storia del castello e sulle correnti artistiche che si accavallano tra ‘800 e ‘900”.

Il tablet, che verrà ‘affittato’ agli utenti al prezzo di 3 euro e il cui software è stato curato dall’azienda MIDA Informatica di Bergamo, offre anche tutta una serie di clip video, le planimetrie della struttura e una galleria fotografica in alta definizione delle opere.

Una novità che vuole proiettare il castello Gamba verso il futuro: “La parte più complessa di una valorizzazione culturale – spiega il Soprintendente ai Beni Culturali Roberto Domaine – è la comunicazione, perché si devono abbracciare utenti con cultura, tempi e aspettative diverse. Queste ‘videoguide’ daranno invece ad ognuno la possibilità di interagire e costruirsi la propria visita”.

Volontà di guardare avanti sulla quale si sofferma anche l’Assessore regionale alla Cultura Joël Farcoz: “La volontà dell’amministrazione è quella di investire sul patrimonio della regione, di fare ‘rete’ e offrire il prodotto Valle d’Aosta anche a livello culturale. L’obiettivo poi, compatibilmente con le possibilità finanziarie, è quella di attivare il sistema delle ‘videoguide’ per tutti i castelli sul territorio”. 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cultura

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte