Musica, acrobazie e tante risate ad Aosta, nel weekend, con gli artisti di strada

Prende il via dalle 16 di domani, sabato 6 settembre, nel centro di Aosta, la sesta edizione del festival degli artisti di strada. Cuore dell'appuntamento, piazza Narbonne ad Aosta. Dalle 21 e fino alle 24, si continua a ridere con la Veillà des artistes.
Foto tratta dal sito della manifestazione
Cultura

Sono tre le occasioni per i valdostani e non di raggiungere questo weekend il centro storico di Aosta: la Festa della Valle d’Aosta, la cui terza edizione verrà salutata quest’anno dal concerto, gratuito, della toscana Gianna Nannini, la Festa di San Grato, patrone di Aosta, momento importante di ritrovo per la comunità religiosa, e ultimo, ma non per questo meno importante, la sesta edizione del Festival degli Artisti di Strada, appuntamento apprezzato non solo dai più piccoli.

Il via alla manifestazione, che ospita anche quest’anno artisti di fama internazionale, è per le 16. I vari clown, giocolieri, saltimbanchi si disporranno in Piazza Narbonne, quest’anno cuore dell’appuntamento, piazza Severino Caveri, le Porte Praetoriane, via Sant’Anselmo e se la pioggia dovesse accompagnare le esibizioni, sotto i portici di Piazza Chanoux e via Xavier de Maistre. I tanti spettacoli offerti dalle circa 24 compagnie di artisti andranno avanti fino alla mezzanotte di sabato con la Veillà des artistes, mentre domenica, la comicità si risveglierà a partire dalle 14. Gran finale in programma alle 18.30 in Piazza Chanoux.

Tra gli artisti che hanno accettato quest’anno l’invito del Festival, promosso dall’Amministrazione comunale, i liguri “A testa in giù” con lo spettacolo Viandanti a nozze, una parodia dei rituali del matrimonio, gli inglesi del "Banjo Circus" in tour per il mondo con i loro numeri circensi, comicità, musica,  i funamboli ed equilibristi  "Bubble Street Cirkus" e ancora il "Circoactivo di Madrid", ma anche il valdostano Clown fischietto portato in scena dal valdo-stanoz, Franco Millet.
Ospiti della manifestazione, la città di Sanremo, la Provincia di Imperia e la città di Massa.

Tutte le esibizioni sono gratuite ma sono ben accetti, oltre agli applausi, anche solo pochi spiccioli nel classico cappello dell’artista di strada, vero termometro del gradimento dello spettacolo.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cultura
Cultura
Cultura

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte