Cultura e spettacolo di Alessandra Borre |

Ultima modifica: 20 Giugno 2021 9:32

Nox torna in scena con il suo rap “contaminato”

Aosta - I due ultimi lavori del rapper valdostano NOX, nome d'arte di Nohamed Naji, classe 2002 sono Harley Quinn, girato a Torino, porta a galla una dimensione di violenza gratuita alla Arancia Meccanica e A testa alta in cu decide di aprirsi al proprio pubblico per raccontare senza mezzi termini e senza giri di parole il suo passato.

DSCNox

Contaminazioni mediterranee e atmosfere da Arancia Meccanica per gli ultimi 2 lavori del rapper valdostano NOXnome d’arte di Nohamed Naji, classe 2002. Nato in Marocco, vive in Italia da quando aveva quattro anni, cresce influenzato dalla musica mediorientale e la trap americana e da questi stili parte per un viaggio personale tra note moderne dal sapore mediterraneo. Il suo nome d’arte è un omaggio a uno dei momenti più bui della sua storia personale, un periodo come la notte appunto, quello dei primi anni di scuola, durante il quale spesso è stato oggetto di episodi forti a causa del suo paese di provenienza, ma anche il momento in cui ha scoperto la musica riuscendo a farne la sua forza.

Nox
Nox

L’ultimo dei suoi lavori, Harley Quinn, girato a Torino, porta a galla una dimensione di violenza gratuita alla Arancia Meccanica e se funziona per video e musica, sembra forse patire un po’ per testo, a differenza di Testa Alta, brano preceduto sui social da alcuni post particolarmente toccanti in cui Nox decide di aprirsi al proprio pubblico per raccontare senza mezzi termini e senza giri di parole il suo passato: il trasferimento dal Marocco all’Italia, la fine di un inferno, l’inizio di un nuovo capitolo, di un nuovo inferno.

“Con la testa alta ma con i piedi in basso” un giovanissimo Nox muove i primi passi verso il mondo dei grandi, tende una mano verso i propri sogni e ambizioni, tanto più grandi della sua tenera età, ma tanto più a portata di polpastrello, perché coltivati ogni giorno con la passione di chi sa di potercela fare.

Dopo “Quello che mi pare”, girato al castello di Fénis, Nox ci ha abituato a partire alla scoperta del suo mondo e dell’intreccio di culture che lo hanno accompagnato fino a qui. A suon di views e beat più o meno violenti nel loro gridare dolore e vita, Nox continua a farsi strada nel rap.

 

 

Tag:, ,

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo