Orlandoni presenta il terzo e ultimo volume della catena “Costruttori di castelli”

Si completa l’opera edita dall’Archivio storico regionale nella collana “Bibliothèque de l’Archivum Augustanum” dedicata ai castelli valdostani. L'appuntamento è alle ore 18 in biblioteca regionale.
Bruno Orlandoni - Ph. www.templariaosta.org
Cultura

Con la presentazione del volume “Costruttori di castelli. Cantieri tardomedievali in Valle d’Aosta” del prof. Bruno Orlandoni, si completa l’opera edita dall’Archivio storico regionale nella collana “Bibliothèque de l’Archivum Augustanum” dedicata ai castelli valdostani. La presentazione dell’ultimo volume di questo percorso avverrà oggi alle 18 nella Biblioteca regionale di Aosta. Il lavoro di Orlandoni si è concentrato su un’approfondita ricerca archivistica che ha consentito all’autore di ricostruire l’attività edilizia nel corso dei secoli in Valle d’Aosta.

Il volume di Orlandoni –spiega il capo servizio dell’Archivio storico regionale, Maria Costa – ricostruisce, nei minimi dettagli, le differenti tappe che hanno caratterizzato l’edificazione e le successive trasformazioni dei castelli valdostani tra il XIII e il XVI secolo, l’epoca d’oro dell’architettura militare in Valle d’Aosta. Nel testo, oltre ai saggi dedicati dall’autore ai castelli di Ripaille e di Saint-Pierre, compaiono i contributi di altri studiosi, quali Gabriele Sartorio, Raul Dal Tio, Claudine Remacle, Roberto Bertolin, Roberta Bordon e Omar Borettaz, oltre a diversi indici, ad un’approfondita cronologia comparata e una ricca bibliografia”.

Interverrà anche lo storico Alessandro Barbero, eminente storico del Medioevo e romanziere, noto al grande pubblico anche per i suoi interventi in qualità di esperto alla trasmissione televisiva Superquark. Bruno Orlandoni, architetto, si occupa di storia dell’arte e di storia dell’architettura, sia svolgendo ricerche e curando pubblicazioni, che lavorando nel campo delle attività espositive. Tra le sue opere principali “Architettura radicale” del 1974, la monografia sul castello di Fénis realizzata insieme a Domenico Prola nel 1982, i tre volumi “Architettura in Valle d’Aosta” usciti tra il 1995 e il 1996. Più recenti sono la monografia sul grande scultore tardogotico Stefano Mossettaz operante in Valle d’Aosta (2006). 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cultura
Cultura