Per la Saison culturelle allo Splendor arriva Milos Karadaglic

Milos Karadaglic salirà alle ore 21 al Teatro Splendor di Aosta con un repertorio che spazia da Bach, Rodrigo, Brouwer, Savio, Cardoso, Jobim, Morel, Domeniconi.
Milos Karadaglic
Cultura

Uno dei chitarristi più talentuosi e virtuosi della scena musicale internazionale arriverà questa sera ad Aosta. Milos Karadaglic salirà alle ore 21 al Teatro Splendor di Aosta con un repertorio che spazia da Bach, Rodrigo, Brouwer, Savio, Cardoso, Jobim, Morel, Domeniconi.

Nato in Montenegro nel 1983 e cresciuto durante il periodo della guerra civile balcanica, Karadaglic ha iniziato a suonare la chitarra all’età di otto anni, guadagnandosi ben presto i favori della critica nazionale. A sedici anni gli è stata assegnata una borsa di studio che gli ha permesso di frequentare la Royal Academy of Music di Londra, dove ha conseguito il diploma.

Nel luglio del 2010 ha firmato un contratto in esclusiva con Deutsche Grammophon e il suo primo cd è stato pubblicato nel 2011. Karadaglic ha recentemente debuttato alla Wigmore Hall di Londra, al Festival di Lucerna e in concerto con l’Orchestra Filarmonica di Londra e la English Chamber Orchestra.

Ha ricevuto numerosi premi tra cui: il Julian Bream Prize, il Prince’s Prize e l’Ivorian Mariants Guitar Award. Ha preso parte a programmi rivolti ai giovani artisti, tra i quali quello presso la Wigmore Hall e la Purcell Room del Southbank Center. Milos Karadaglic utilizza corde D’Addario J 46 sulla sua chitarra Greg Smallman, gentilmente concessa da Paul e Jenny Gillham.

L’appuntamento rientra nel cartellone della Saison Culturelle 2013/2014. Il prezzo del biglietto è di 15 euro (11 euro il ridotto).

Lo spettacolo è incluso negli abbonamenti Pleine Saison, Tuttomusica, Classica e dintorni. Per ulteriori informazioni: Attività culturale, musicale, teatrale ed artistica, n. verde 800141151, 0165 32778.

 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cultura
Cultura
Cultura

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte