Gene Gnocchi, Elio, Andrea Scanzi e Zaz:  svelata la Saison culturelle 2022/2023

Fra le novità un’opera, La Bohème di Giacomo Puccini, il ritorno del Noir in Festival con il Premio Giorgio Scerbanenco 2022. Per la sezione Littérature Desiati, Raimo, Rampini e Nicola Lagioia.
Elio
Cultura

Paolo Grassi diceva che le arti dello spettacolo dal vivo sono un elemento necessario di
elevazione spirituale ed intellettuale e noi come amministrazione siamo d’accordo e ci stiamo impegnando per questo”. Si è aperta così, con le parole di Raphaël Desaymonet, dirigente della struttura Attività culturali, la presentazione del programma della Saison Culturale 2022/23, nel tardo pomeriggio di oggi, martedì 11 ottobre, al Teatro Splendor di Aosta.

Una stagione culturale diffusa, accessibile e come sempre ricca di ospiti e che aggiunge
alla sezione teatro, letteratura e cinema anche quella dedicata ad artisti locali e al teatro in patois. “La cultura in una realtà piccola e fragile come la nostra non ha grandi eventi, ma la Valle d’Aosta ha nella cultura la propria vocazione e questo oggi vi verrà confermato con il nostro programma che offre occasioni di riflessione, di incontro con personaggi di alto calibro”, ha aggiunto  l’Assessore ai beni culturali, turismo, sport e commercio, Jean-Pierre Guichardaz.

Per la prima volta durante l’appuntamento al pubblico presente è stato offerto uno spettacolo: la rappresentazione Gelsomina Dreams della Compagnia blucinQue, un omaggio al genio di Federico Fellini, un viaggio onirico in bilico tra danza, poesia, musica e circo, a partire e da immagini ispirate al mondo dei sogni del grande regista e ad alcuni dei suoi film.

Entrando nel vivo del programma, dopo Venditti e De Gregori, dunque, il tuffo nel passato della Saison Culturelle 2022/2023 prosegue con Gene Gnocchi, Elio (senza le storie tese), a recitare Enzo Jannacci, Paolo Belli ma anche Tullio Solenghi.

La Saison in Musica

Il sipario della rassegna, come già annunciato, si alzerà il 28 ottobre con il concerto di Francesco De Gregori e Antonello Venditti al Palais di Saint-Vincent. Appuntamento andato sold out in meno di 24 ore.

La sezione musica proseguirà il 24 novembre, sempre al Teatro Splendor, con “Elio ci vuole orecchio”, un omaggio del poliedrico cantante a Enzo Jannacci. Il 30 novembre le percussioni del solista internazionale Ivan Mancinelli, risuoneranno ad Aosta. Sul palco anche il quartetto valdostano “KonTakt Ensemble”. Fra musica e teatro lo spettacolo del 1 dicembre Give Peace a song del giornalista Andrea Scanzi e Borderlobo, la band del cantautore Andrea Parodi Zabala e del chitarrista Alex Kid Gariazzo. Musica classica il 13 dicembre con il contro tenore Théophile Alexandre e il pianista Guillaume Vincent.

Il 16 dicembre la Saison si sposta a Pont-Saint-Martin con il concerto gospel di Eric Waddell & The Abundant life singers. Sempre l’Auditorium di Pont-Saint-Martin sarà in palcoscenico il 5 gennaio il concert du nouvel an. L’indimenticabile storia d’amore fra Vivian ed Edward andrà invece in scena il 7 gennaio ad Aosta con Pretty Woman, musical diretto da Carline Brouwer. Una prima per la Saison sarà l’opera in programma l’11 gennaio. La scelta è ricaduta sull’intramontabile La Bohème di Giacomo Puccini.

Il 10 febbraio all’auditorium di Pont-Saint-Martin torna Tullio Solenghi, quest’anno accompagnato dal Trio d’Archi di Firenze. Il 18 febbraio toccherà alla musica jazz, con Max the Sax. Per la musica francese arriverà a Saint-Vincent l’11 marzo Isabelle Geffroy ovvero Zaz, la cantante che ha raggiunto un successo a livello internazionale nel 2010 grazie alla pubblicazione del singolo Je veux. Il 24 marzo arriva la stella del flamenco Lucero Ena con le sue nacchere accompagnata dall’arpa di Xavier De Maistre.

Come già l’anno scorso la Regione è al lavoro per organizzare un concerto rivolto ai giovanissimi durante le festività natalizie a Courmayeur. Fra le ipotesi c’è di riproporre Sangiovanni, saltato l’anno scorso e sostituito da Madame.

La Saison Teatro

Nel programma figurano 14 spettacoli di teatro (abbonamento platea 180 euro, galleria 140 euro), 9 in italiano (abbonamento platea 150 euro, galleria 120) e 5 in francese (abbonamento 50 euro). Si inizia il 4 novembre con L’Avare di Molière, per proseguire il 15 con Mine Vaganti di Ferzan Ozpetek, il 6 dicembre Coupable di Jean-Claude Lilienfeld, il 9 dicembre Licheni della valdostana Alessandra Celesia. Il 25 gennaio Stefano Massini porta allo Splendor l’Alfabeto delle emozioni. E’ tratto invece dall’omonimo romanzo di Kent Haruf, con adattamento e traduzione di Emanuele Aldrovanti ,”Le nostre anime di notte” che vedrà il ritorno ad Aosta  il 6 febbraio di Lella Costa, in scena con Elia Schilton. Il teatro francese tornerà il 15 febbraio con Chaplin, 1939 di Cliff PailléL’embarras du choix di Sébastien Azzopardi et Sacha Danino in calendario il 14 marzo e Climax di Ludovic Pitorin il 30 marzo. Nel mentre il 1° e 2 marzo Arlecchino muto per spavento, ispirato al canovaccio Arlequin Muet par crainte di Luigi Riccoboni. Gli ultimi appuntamenti della sezione teatro sono il 9 marzo La Parrucca di Natalia Ginzburg con Maria Amelia Monti e Roberto Turchetta, il 4 aprile Miracoli Metropolitani di Carrozzeria OrfeoIl silenzio grande di Alessandro Gassmann, tratto dall’omonima commedia di Maurizio De Giovanni con Massimiliano Gallo e Stefania Rocca e Alle 5 da me di Pierre Chesnot con Gaia De Laurentis, Ugo Dighero con musiche della Banda Osiris.

Comicità e ballo

Show e comicità saranno invece assicurati dagli Oblivion, il 10 novembre al Teatro Splendor, Gene Gnocchi il 17 novembre all’Auditorium di Aymavilles, i clown Hahaha il 13 gennaio allo Splendor e Paolo Belli il 28 gennaio a Courmayeur.
Offrirà invece un viaggio nell’estremo oriente Dalai Nuur, in calendario il 3 febbraio ad Aosta.

Gli appassionati di danza devono invece segnarsi sul calendario le date del 24 febbraio con Othello tango della Compagnia Naturalis Labor, il 22 marzo con Bach à la Carte! Di Marco Augusto Chenevier e il 13 aprile con Les Ballets Trockadero di Monte Carlo.

Ritorna la sezione letteratura

Sarà invece il vincitore dell’ultimo Premio Strega, Mario Desiati ad aprire con la vincitrice della sezione giovani, Veronica Raimo, la seconda edizione edizione della Saison Litterature. L’11 novembre i due autori dialogheranno con la conduttrice di Radio Capital Doris Zaccone.

Il 18 novembre Tea Ranno, Sara Rattaro e Alessandra Selmi, moderate da Nora Demarchi parleranno di “Scrivere al femminile”. Il 3 dicembre arriverà allo Splendor l’inviata di guerra Francesca Mannocchi mentre il 15 sarà la volta di Sonia Bergamasco e Maria Grazia Calandrone. Lo sguardo della sezione tornerà ad allargarsi sul mondo con il giornalista e scrittore Federico Rampini, ospite il 12 gennaio.

Ritorna il 19 gennaio il Noir in Festival, con il Premio Giorgio Scerbanenco 2022. Subito dopo l’incontro con lo scrittore vincitore, sarà proiettato in notturna uno dei titoli della Selezione ufficiale di Noir in Festival 2022, il meglio del cinema noir internazionale dell’anno presentato in anteprima a Milano durante il festival.
Da non perdere anche l’appuntamento dell’11 febbraio con lo scrittore Nicola Lagioia autore de La città dei vivi e dell’omonimo podcast per Chora Media.

Il giro del mondo in 50 film

Confermata la sezione cinema al Théâtre de la Ville, con 50 titoli e due proiezioni ogni settimana, nelle giornate di martedì e mercoledì, per 25 settimane (abbonamento 125 euro). Si comincia l’8 e 9 novembre con Marcel! di Jasmine Trinca e Alcarràs – L’ultimo raccolto di Carla Simón, trionfatore dell’ultimo Festival di Berlino.

Nel programma della rassegna rientra anche quest’anno il Printemps Théâtral, con la partecipazione delle compagnie teatrali aderenti alla Fédérachon Valdoténa di Téatro Populéro, in programma nella primavera 2023.

Per l’edizione 2022/2023 della Saison la Giunta regionale aveva stanziato nei mesi scorsi 1 milione e 100mila euro, di cui al momento risultano impegnati 625mila per cachet artistici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cultura
Cultura
Cultura

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte