Economia e lavoro di Silvia Savoye |

Ultima modifica: 4 Dicembre 2020 15:45

Heineken, pensione anticipata per i nove “esuberi” della sede di Pollein

Pollein - Adesione volontaria a dei percorsi di accompagnamento alla pensione, con incentivi economici. Nessun licenziamento unilaterale verrà effettuato.

HeinekenHeineken

I nove esuberi dichiarati dalla Heineken per la sede di Pollein si trasformano in una mobilità volontaria. E’ quanto sono riusciti ieri a spuntare i sindacati nazionali e regionali nella trattativa con l’azienda, nella sede della direzione centrale di Milano.

“Sarà un accompagnamento alla pensione. Fin da subito e fino a fine febbraio ci saranno delle finestre di uscita dall’azienda con dei buoni incentivi economici, maggiori per chi prima aderisce” racconta Paolo Schiavon alimentari Savt Industria. “Riteniamo questa ipotesi di accordo, in via di definizione, soddisfacente,  sia dal punto di vista economico ma anche per un impatto sociale che non sarà particolarmente  penalizzante.”

Le proposte fatte dal coordinamento RSU sono state recepite dal colosso mondiale della birra. Nessun licenziamento unilaterale verrà effettuato, anche perché al momento la normativa li vieta.

 

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo