Economia e lavoro di Orlando Bonserio |

Ultima modifica: 14 Ottobre 2020 12:23

Nuove misure del Governo, le preoccupazioni dei gestori dei locali: “Perderemo clientela e dovremo fare gli sceriffi”

Aosta - Le nuove norme mettono in difficoltà chi lavora soprattutto la sera: crollano i posti a disposizione e si perdono le ore di punta.

Tutta mia la cittàPiazza Chanoux - Foto di Massimiliano Riccio

Chiusura alle 24, divieto di “sosta” e consumo all’esterno del locale se non seduti al tavolo dopo le 21: gli effetti – economici e sociali – del nuovo DPCM colpiscono in buona parte i locali (bar, pub, ristoranti) di quella che è ormai diventata nota con il nome (forse un po’ abusato) di movida, che da oggi dovranno fare i conti con norme più severe che mettono in difficoltà i gestori.

Preoccupazioni sia dal punto di vista economico – perché la chiusura anticipata taglia fuori, soprattutto nel weekend, le ore di punta tra mezzanotte e l’1.30, quelle in cui in particolare i più giovani consumano di più – che professionale, con molti baristi che non ci stanno a fare gli “sceriffi”. Buona parte dei locali “notturni” si concentrano tra Via Aubert e Piazza Chanoux: che atmosfera troveremo il prossimo venerdì e sabato nel centro storico di Aosta?

Al Café Romae dovrebbe cambiare poco: “Il mio è un bar classico, che in genere chiude verso le 22.30-23, a parte ogni tanto magari il sabato”, spiega il titolare Enzo Gullone. “Sono abbastanza tranquillo, anche se bisognerà educare i “ribelli”, che siano i giovanissimi o i più grandi. Questo però è un compito che non spetta a noi, ci mette un po’ in imbarazzo fare gli sceriffi. Noi abbiamo questa spada di Damocle che è la chiusura del locale, e questo ci fa vivere in ansia. Il DPCM è stato ben pubblicizzato, la gente sa che ho l’autorità per non farli sostare fuori dal locale dopo le 21, ma se non mi ascoltano, cosa posso fare oltre a dirglielo? La multa in questo caso andrebbe fatta al cliente, anche se confido nel buonsenso di tutti, dei ribelli e delle forze dell’ordine”. Poi, però, c’è anche un altro scenario, quello del consumo di alcolici non acquistati al bar: “Noi da mezzanotte passeremo il testimone alle forze dell’ordine, che dovranno vigilare se le persone si caricano le macchine di bottiglie o si infilano in qualche vicolo a bere”.

“Ansia” è un sentimento che ritorna anche a pochi metri dal Café Romae, con Michela Latini del Laboratorio Latini seriamente preoccupata: “La vedo molto grigia, lavorare con queste limitazioni così drastiche crea ansia a noi, ma anche paura nella gente. Noi senza “assembramenti” lavoriamo poco, non puoi avere la quantità di clienti che sono quelli che ti fanno fare cassa, soprattutto ora che inizia a far freddo e con la riduzione di un orario per noi importante. A volte è quasi meglio tenere chiuso. Si stanno ripresentando le stesse paure del 18 maggio, che però avevamo esorcizzato con una buona estate”. Latini evidenzia anche alcuni aspetti poco chiari del decreto: “Bisogna capire cosa succederà dopo le 21 fuori dal locale. Se uno che è seduto dentro vuole uscire a fumare una sigaretta come deve fare?”.

Per Fabiana Pedrin, figlia di Marzio, titolare del Bar 101, questa è “un’ulteriore frenata per i locali, nelle ore in cui lavoriamo maggiormente. Ci dovrebbe essere più chiarezza su alcune cose, come ad esempio dove andrà la gente dopo le 24 e se a quell’ora la nostra attività dovrà essere già chiusa o bisognerà smettere di bere. Certo, noi stiamo già facendo di tutto con la massima accortezza: abbiamo garantito il distanziamento tra i tavoli, anche rinunciando a parecchi posti, e non vendiamo più niente al bancone. Nel weekend però è difficile, perché magari in un tavolo del dehors da due persone si aggiunge qualcuno a salutare. Lo staff sta dando il massimo, spesso non veniamo ascoltati e rischiamo di passare per scorbutici e perdere clientela”.

Il dehors del Quot Café di Piazza Chanoux chiuderà il 31 ottobre, e all’interno rimarranno una ventina di: “Senza l’asporto perderemo molto”, spiega la titolare Joelle Melotto. “Spesso arrivano tanti ragazzi, che non riesco a far sedere, quindi prendono da bere e lo portano via. Da adesso non potremo più farlo, senza contare che da mezzanotte all’1.30 per noi sono momenti fondamentali. Sarà impossibile controllare tutti all’esterno, perché spesso chi è di passaggio magari si ferma a salutare chi è seduto. Io non posso dire loro di non fermarsi, non è questo il mio lavoro. Un’altra cosa che non si capisce è se a mezzanotte il locale deve essere completamente chiuso o se devo iniziare a far andare via la gente. Se deve essere già chiuso, perdiamo un’ulteriore ora di lavoro a fare le pulizie”.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo