Economia e lavoro di Christian Diémoz |

Ultima modifica: 13 Maggio 2021 19:08

Traforo del Monte Bianco, trovate tracce d’amianto: stop ai lavori sull’impalcato

Secondo il GEIE, la presenza della fibra risale “verosimilmente all’epoca della costruzione del lavoro”. Dal 3 maggio, avviata una indagine su tutta la galleria per avviare l’eventuale bonifica. Il resto dell’intervento sarà riprogrammato.

Cerimonia Ricordo Tragedia Tunnel del Monte BiancoTunnel del Monte Bianco

Erano iniziati lo scorso 12 aprile, con la previsione che si concludessero il 19 giugno, ma per i lavori di sostituzione dell’impalcato stradale del tunnel del Monte Bianco arriva uno stop momentaneo fuori programma. Dopo aver risanato i primi 300 metri, la ditta incaricata dei lavori ha sospettato una presenza di amianto nella demolizione di alcuni elementi costruttivi. Il GEIE, raggruppamento europeo d’interesse economico tra le concessionarie italiana e francese del tunnel, ha deciso quindi di sospendere l’intervento, senza attendere l’esito delle analisi.

L’ispezione successivamente svolta – fa sapere il GEIE – ha poi confermato i sospetti. La presenza di tracce di fibra di amianto sul materiale prelevato risale “verosimilmente all’epoca della costruzione del traforo”. Prima dei lavori, nel 2019, delle indagini di ricerca di amianto erano state effettuate, a cura di un organismo accreditato, giacché si tratta – puntualizza il raggruppamento – di un’“attività preventiva obbligatoria per questo tipo di cantiere”.

Dallo scorso 3 maggio, il GEIE ha quindi deciso di utilizzare le notti di interruzione della circolazione in programma per effettuare una indagine sulla totalità della galleria (con l’ispezione dell’insieme dei canali, perché l’impalcato è al tempo stesso la sede stradale del tunnel e la volta del cunicolo che vi scorre sotto), mirata a “realizzare una nuova diagnosi e avviare le eventuali operazioni di bonifica”. L’obiettivo è di “proteggere l’insieme del personale impegnato sul cantiere”, malgrado il “ritardo che inevitabilmente si ripercuoterà sull’avanzamento dei lavori”.

Lo stop è arrivato dopo 11 notti di interruzione della circolazione. Ne erano in programma ancora 15. Un prossimo calendario che “includerà questi nuovi interventi e la riprogrammazione” dei lavori restanti (che potranno riprendere solo dopo la diagnosi e l’eventuale bonifica), annuncia il GEIE, sarà diffuso nei prossimi giorni. L’investimento previsto per i lavori di quest’anno, che riguardavano il risanamento di 1.136 metri di impalcato, è di 17 milioni di Euro. La compagine aziendale cui sono stati affidati i lavori è italo-franco-svizzera.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo