Contributi per 500mila euro ai giovani che vogliono diventare imprenditori

Approvato il disegno di legge in materia di interventi regionali per lo sviluppo dell'imprenditoria giovanile. Le misure si rivolgono ai giovani tra i 18 e i 35 anni che intendono fare impresa. Le misure toccano imprese costituite da non più di un anno.
Economia
Per stimolare la creazione e lo sviluppo da parte di giovani di nuove imprese industriali e artigiane il Consiglio regionale ha approvato a larga maggioranza, 31 voti favorevoli e tre astenuti (Partito Democratico), il disegno di legge in materia di interventi regionali per lo sviluppo dell'imprenditoria giovanile. Il provvedimento mette in campo contributi per 500mila euro. Nella relazione del disegno legislativo il consigliere Mauro Bieler (UV), ha evidenziato come "in Valle d'Aosta la propensione ad intraprendere, a elaborare e ad avviare validi e sostenibili progetti imprenditoriali in grado di andare oltre il mero autoimpiego risulti tendenzialmente carente presso i giovani".
In particolare – ha speigato Bieler –  le iniziative ammissibili a tali agevolazioni finanziarie riguardano, tra l'altro, i beni strumentali all'attività d'impresa, materiali e immateriali, le spese di costituzione nel caso di società, l'acquisizione di consulenze connesse all'organizzazione aziendale e le analisi di mercato: i contributi a fondo perduto previsti possono arrivare al 40 per cento della spesa ammissibile e a un importo massimo di 60.000 euro, fornendo un concreto supporto finanziario al giovane imprenditore, alle prese con i tipici problemi di accesso al credito propri di un'impresa in fase di start up." Le spese ammissibili sono relative all’acquisto di beni materiali e immateriali, nella progettazione e direzionie dei lavori nel limite massimo del 5% del costo totale dell’investimento, nell’acquisto di impianti, macchinari, attrezzature e automezzi, nell’acquisto di brevetti, licenze software, nell’analisi di mercato, nelle consulenze per l’organizzazione aziendale e all’atto notarile di costituzione della società.

Le nuove misure adottate si rivolgono ai giovani tra i 18 e i 35 anni che intendono fare impresa. Le misure contenute si rivolgono a imprese costituite da non più di un anno, allo scopo di favorire la possibile nascita di nuove imprese “e non quello – ha aggiunto l’assessore alle Attività produttive Ennio Pastoret – di introdurre altri e ulteriori finanziamenti”. Sono previsti contributi a fondo perduto a copertura parziale delle spese di investimento per l'avvio dell'attività.
Possono accedere al provvedimento anche le società cooperative in cui i soci siano per almeno il 70% in età tra i 18 e i 35 anni e le società il cui capitale sociale sia in possesso, per almeno il 70%, di persone appartenenti alla stessa fascia di età.

Il provvedimento amplia le iniziative pubbliche già presenti nella nostra regione a supporto della giovane imprenditoria, gestite dall'Agenzia regionale del lavoro e volte a supportare la creazione e lo sviluppo d'impresa, nonché la qualificazione dell'occupazione, attraverso interventi formativi e di tutoraggio, incentivi e assistenza tecnica per l'elaborazione dei progetti di impresa.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Economia
Economia