Export, la Valle in crescita: è +12,3% nel primo semestre rispetto al 2017

Dai dati Istat emerge come le esportazioni valdostane nei primi sei mesi del 2018 abbiano raggiunto la cifra di 387 milioni di euro. A trainare il settore dei metalli di base e dei prodotti in metallo ed i prodotti alimentari e le bevande.
Lo stabilimento della Cogne acciai speciali
Economia

“I dati appena resi noti dall’Istat confermano come la capacità di guardare al di fuori del solo mercato locale costituisca una risorsa di fondamentale importanza per le nostre imprese”. Parole di Nicola Rosset, Presidente della Chambre Valdôtaine, a commento l’andamento delle esportazioni nel primo semestre dell’anno pubblicato dall’Istituto nazionale di Statistica.

Dai dati emerge come le esportazioni valdostane nei primi sei mesi del 2018 abbiano raggiunto la cifra di 387 milioni di euro, in aumento del 12,3% se raffrontate allo stesso periodo del 2017. Dati che pongono la Valle d’Aosta tra le regioni italiane con il maggior incremento percentuale migliorando sia il dato nazionale (+3.7%) sia quello nord occidentale (+4%).

A trainare l’export della nostra regione è il settore dei metalli di base e dei prodotti in metallo con un valore complessivo di 227 milioni di euro ed un incremento rispetto al 2017 dell’8,9%. Positivo è anche il valore registrato per quanto concerne i prodotti alimentari e le bevande, il cui valore si attesta sui 33 milioni di euro con un incremento del 17% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Il principale mercato di riferimento per le imprese valdostane rimane quello francese, con un valore complessivo di circa 91 milioni di euro che fa segnare un +21,7% rispetto allo scorso anno, seguito dal mercato svizzero (69 milioni di euro e +14% sul 2017).

“Dall’analisi dei dati – spiega ancora Rosset – appare evidente che quello dell’internazionalizzazione delle imprese è un ambito sul quale è necessario concentrare le energie. Favorire la crescita delle nostre imprese anche fuori dai confini regionali può infatti rappresentare una importante risorsa per tentare di uscire da una congiuntura economica che si presenta ancora molto complessa”.

“Il lavoro per permettere questo importante processo di crescita imprenditoriale – conclude il Presidente della Camera di Commercio – deve essere a 360° ed integrato tra le varie realtà del territorio. In questo senso il progetto VdA Passport elaborato dalla Chambre costituisce un buon esempio di attività che punta a valorizzare le eccellenze, alla formazione degli imprenditori, alla comunicazione, a fornire supporto alle aziende nei diversi aspetti legati all’approccio ad un mercato più ampio, e alle loro aggregazioni”.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Economia