Il Codacons chiede una “maggiore trasparenza da parte delle banche”

“Maggiore concorrenza e trasparenza sui conti correnti a cominciare dalle commissioni (troppo salate) su chi va in rosso e una informazione corretta sui rischi per le famiglie che sottoscrivono mutui a tasso variabile. “
Economia

“Maggiore concorrenza e trasparenza sui conti correnti a cominciare dalle commissioni (troppo salate) su chi va in rosso e una informazione corretta sui rischi per le famiglie che sottoscrivono  mutui a tasso variabile. “  E’ quanto chiede in una nota l’Associazione Codacons alle banche valdostane.

“Il Codacons ritiene importante  – continua la nota – che il Presidente della Giunta regionale appoggi e sostenga tutte le iniziative che riconoscano e tutelino i titolari dei correntisti, nonché il Codacons e le altre associazioni a tutela dei consumatori che si sono attivate in tal senso.  È necessario che la Presidenza della Giunta della Valle d’Aosta raccolga i dati e aiuti quelle aziende che, avendo chiesto alle banche l'apertura di linee di credito, e che si sono viste, negli anni, addebitare somme esorbitanti per commissioni di massimo scoperto. Le banche devono essere più trasparenti. “

Secondo il Codacons nonostante la legge 2 gennaio 2009 abbia vietato la commissione di  massimo scoperto sui conti in rosso senza fido e ridisciplinato le commissioni per quelli con fido, la situazione per i correntisti non è migliorata “anzi, in base ad un'indagine di Bankitalia su 500 istituti, in circa un terzo dei casi, i costi sono aumentati. Anche l'antitrust ha denunciato un tale comportamento: le banche si sono inventate  nuove voci per aggirare la legge. Il Codacons ha già presentato una prima class action e a breve se ne aggiungeranno altre”.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Economia
Economia
Economia

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte