Il TAR respinge il ricorso della Libellula per la gestione di due asili nido di Aosta

"Il ricorso non è fondato". Con questa motivazione il Tar, il 10 luglio scorso, ha respinto il ricorso presentato dalla cooperativa sociale "La Libellula" di Saint-Cristophe sulla gestione dei due asili nido "Via Roma" e "Massimo Berra" di Aosta.
Alcuni bambini in un'attività di garderie all'esterno
Economia

"Il ricorso non è fondato". Con questa motivazione il Tar della Valle d'Aosta, il 10 luglio scorso, ha respinto il ricorso presentato dalla cooperativa sociale "La Libellula" di Saint-Cristophe sulla gestione dei due asili nido "Via Roma" e "Massimo Berra" della città di Aosta.

La Libellula, infatti, dopo 20 anni di gestione delle due strutture per l'infanzia, ha perso, alla fine del 2007, la gara d'applato indetta dal Comune di Aosta, vinta dalla concorrente  PRO.GES di Parma, un colosso da 1.700 soci lavoratori con servizi in 5 regioni italiane.

Da qui la decisione di presentare ricorso al Tribunale Amministrativo regionale sollevando contestazioni sull'ambiguità del bando,  sui criteri di aggiudicazione del bando e denunciando la presunta poca accuratezza con cui la Commissione giudicante avrebbe esaminato la proposta della Pro.Ges.

Il Tar però ha dato ragione al Comune di Aosta e alla cooperativa Pro.Ges di Parma che si erano costituiti in giudizio chiedendo al tribunale di rigettare il ricorso.  

 

 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Economia
Economia