Innevamento artificiale e allevamento montano al centro dei progetti dei Comitati Unicredit

Si è riunito nella mattinata di oggi, lunedì 24 novembre, nella Ski Poles della Rossignol, a Verrayes, il Comitato Territoriale UniCredit Valle d'Aosta. Utilizzo dell'acqua, fonti rinnovabili ed eccellenze energetiche tra gli indirizzi futuri.
Da sx Vladimiro Rambaldi e Giuseppe Bordon
Economia
Nella mattinata di oggi, lunedì 24 novembre, nella sede della Rossignol di Verrayes, si è riunito il Comitato Territoriale UniCredit Valle d’Aosta. Si tratta di un organismo consultivo del quale fanno parte personalità di spicco dell’imprenditoria, dell’associazionismo, della cultura e della società civile. Lo scopo ultimo è quello di potenziare e mantenere sempre vivo il radicamento sul territorio, attraverso mirati progetti e finanziamenti.
Giuseppe Bordon, presidente della Confindustria Valle d’Aosta è alla guida del Comitato – nato nel 2004 – dall’ottobre del 2005. Diversi i progetti attualmente in cantiere illustrati dal Presidente Bordon: “partendo da un ragionamento sulla governance della risorsa idrica, abbiamo intenzione di sviluppare i temi sull’utilizzo dell’acqua, sulle fonti rinnovabili e sulle eccellenze energetiche presenti nel territorio alpino”.
Sul territorio nazionale si possono contare 14 Comitati Unicredit, i piani di quello valdostano sono, ovviamente, legati al territorio e concernono attualmente il problema dell’innevamento artificiale, il sostegno all’allevamento montano, l’appoggio all’innovazione e alla ricerca in Valle.
Particolarmente interessante – ha proseguito Giuseppe Bordon – è il percorso di accompagnamento formativo e di tutoraggio per i neo imprenditori; si tratta di una tappa fondamentale perché si è riscontrata un’elevata mortalità delle imprese proprio nel loro primo anno di vita”.
Vladimiro Rambaldi, vicedirettore generale dell’UniCredit Private Banking e responsabile dei Comitati per il nord ovest, ha invece sottolineato l’efficacia di questi organismi in un era di grande globalizzazione “in cui – ha affermato Rambaldi – mantenere saldi legami con il territorio diventa decisivo”.
I progetti e gli investimenti in corso, come già accennato, riguardano i settori cruciali dell’economia valdostana, dal turismo invernale all’agricoltura di montagna, senza trascurare l’ambito della ricerca e della formazione.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Economia
Economia
Economia

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte