Sciopero di 4 ore dei dipendenti Telecom: “nel piano industriale solo tagli al costo del lavoro”

Uno sciopero di quattro ore. A indirlo sono, per domani, venerdì 9 luglio, le RSU di Telecom Italia e i sindacati di categoria SLC - CGIL e FISTtel - CISL. I lavoratori chiamati a incrociare le braccia sono una settantina
Economia

Uno sciopero di quattro ore. A indirlo sono, per domani, venerdì 9 luglio, le  RSU di Telecom Italia e i sindacati di categoria SLC – CGIL e FISTtel – CISL. I lavoratori della società di telecomunicazione, chiamati a incrociare le braccia, sono una settantina.

“L'azienda 
– si legge in una nota – ha chiuso il 2009 con un utile lordo di 1,5 miliardi, ma il piano industriale si basa soltanto su un taglio al costo del lavoro e agli investimenti in innovazione. I posti di lavoro in esubero, secondo Telecom Italia, sono in tutto il Paese 2900 per il 2010 e 6800 nei prossimi tre anni.”

I sindacati chiedono con la protesta che “l’azienda non esternalizzi i servizi di call center “187” e “1254”; presenti anche in Valle d’Aosta, che eviti il continuo ricorso ad appalti esterni per i servizi di manutenzione sulla rete e per i guasti e che i lavoratori del “1254”, oggi in contratto di solidarietà, vengano riconvertiti e il servizio rilanciato”.

La mobilitazione è iniziata con le assemblee dei lavoratori, i sindacati che “hanno richiesto un tavolo di confronto con il governo”, dovrebbero indire un nuovo sciopero per l’autunno.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Economia
Economia

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte