Un Comitato tecnico e propositivo per far fronte alla crisi economica

L'organo istituito dalla Regione si è riunito per la prima volta lunedì 17 novembre. Le analisi tecniche e legislative che saranno oggetto di approfondimenti faranno parte di un apposito dossier che sarà presentato a dicembre in Consiglio regionale.
Palazzo regionale
Economia
Si è svolta lunedì17 novembre la prima riunione del Comitato tecnico propositivo delle iniziative regionali finalizzate al contrasto degli effetti sull’economia locale conseguenti la crisi finanziaria internazionale, organo istituito da una delibera della Giunta regionale. La task force che si occuperà di fornire alla Regione “supporto tecnico e legislativo – come spiega l’assessore regionale al Bilancio, Claudio Lavoyer-  per poter intervenire in maniera coordinata in tutti i settori economici colpiti dalla crisi” dovrà fornire un’analisi attenta sulla base della quale l’Amministrazione regionale strutturerà gli interventi che saranno poi inseriti  in un pacchetto d’azione che sarà presentato a dicembre al Consiglio regionale.
Il Comitato è composto dal segretario Generale della Regione e dai coordinatori dei dipartimenti legislativo e legale, degli enti locali, delle politiche del lavoro, dell’agricoltura, delle risorse naturali  e corpo forestale, delle politiche strutturali, dell’industria, artigianato ed energia, del bilancio, delle opere pubbliche, della sanità, del turismo, dei trasporti, dal capo servizio dell’Osservatorio economico e sociale e da un rappresentante della Finaosta S.p.A.
“Per far fronte a questo particolare e difficile momento economico – spiega il Presidente Augusto Rollandin stiamo lavorando su più tavoli. Il Comitato rappresenta uno di questi. E’ quanto mai importante infatti monitorare la situazione e individuare i settori di maggiore sofferenza per strutturare interventi concreti che possono integrarsi nei limiti posti dalle direttive comunitarie.”

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Economia
Economia

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte