Un ‘pacchetto giovani’ nel Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013

L'assessorato all'Agricoltura organizza quattro incontri sul territorio per presentare il programma di Sviluppo rurale e altre normative. Obiettivo: passare un'informazione corretta. Isabellon 'qualcuno sta creando allarmismi inutili'.
Giovani arpian al lavoro
Economia
Saranno quattro incontri sul territorio regionali organizzati dall’Assessorato all’Agricoltura a spiegare nel dettaglio il Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013, la legge regionale 32/2007 e le modifiche apportate alle leggi 21/2001 e 3/2002 oltre che in materia di incentivi regionali per l’attuazione degli interventi sanitari a favore del bestiame di interesse zootecnico.

 “La materia interessa circa 3000 aziende agricole sparse sul territorio regionale – ha spiegato Emanuele Dupont, del Dipartimento Agricoltura dell’assessorato – e l’impegno è stato quello di creare un quadro coerente delle misure e gli strumenti attuativi che daranno il via al quadro delineato”.  
A spiegare gli obiettivi degli incontri e ad evidenziarne l’importanza è stato lo stesso assessore Giuseppe Isabellon secondo cui tra gli agricoltori stanno passando informazioni scorrette e false che destano allarmismo, veicolate falsamente in concomitanza con la prossima scadenza amministrativa, le elezioni regionali di maggio. “Qualcuno dice che non ci saranno più finanziamenti per il verde agricolo o per gli investimenti e le rassegna zootecniche – ha spiegato Isabellon – informazioni false”. Gli incontri previsti serviranno dunque a chiarire dubbi, perplessità e a garantire una giusta informazione.

In particolare il Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013, il cui valore economico è di circa 180 milioni di euro per una durata di sette anni (considerando finanziamenti europei, nazionali e regionali) prevede al suo interno 10 milioni di euro quali indennità compensativa a sostegno della maggiori spese sostenute dagli agricoltori che lavorano su un territorio difficile quale qualle montano. “Il Piano favorisce l’ambiente e le aziende che lo rispettano – ha continuato Dupont – poiché i premi previsti sono erogati a determinate condizioni: ad esempio non utilizzare concimi, un basso utilizzo di fitofarmaci ecc… inoltre costringe gli agricoltori ad una programmazione azinedale e all’adempimento di azioni precise”.

Non manca poi un’attenzione particolare ai giovani agricoltori, sempre meno in Valle d’Aosta. per loro esistono misure particolari ed un apposito “pacchetto” che prevede benefici relativi al primo insediamento, per la meccanizzazione, per i fabbricati…in un arco temporale di cinque anni. Tra gli strumenti a disposizione dei giovani agricoltori nella legge 32/2007 (che disciplina gli interventi regionali in materia di sviluppo rurale, investimenti e altro) figurano finanziamenti per la consulenza aziendale, un percorso di formazione apposito oltre alla consulenza ordinaria fornita dagli uffici tecnici dell’assessorato regionale all’Agricoltura.

Gli incontri, aperti a tutti i cittadini interessati, si terranno secondo il seguente calendario:
mercoledì 16 aprile 2008, alle ore 20.30, all’Auditorium comunale di Morgex;
venerdì 18 aprile 2008, alle ore 21, nel Salone delle manifestazioni del Comune di Châtillon;
lunedì 21 aprile 2008, alle ore 20.30, nella Sala polivalente presso la Banca di Credito Cooperativo Valdostana di Gressan;
martedì 22 aprile 2008, alle ore 20.30, nel Salone comunale “Bec Renon” di Donnas.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Economia