Conti pubblici, nuovo record debito: a novembre raggiunge 2.020 miliardi

A novembre entrate in aumento a 31,4 miliardi.
News Nazionali

Roma, 14 gen. (Adnkronos) – Nuovo record storico del debito pubblico italiano che a novembre 2012 è aumentato di 6 miliardi di euro toccando quota 2.020,7 miliardi. Questo incremento del debito delle amministrazioni pubbliche, spiega Bankitalia, "è dovuto essenzialmente al fabbisogno (al netto delle dismissioni), pari a 4,4 miliardi e agli effetti accrescitivi sul debito degli scarti di emissione e dell’andamento del cambio (complessivamente pari a 0,7 miliardi)’.

Tuttavia da Via Nazionale si preannuncia per il dato di dicembre un calo, dal momento che "il rilevante avanzo osservato per il settore statale e il forte decumulo della liquidità del Tesoro dovrebbero aver portato il debito ampiamente al di sotto della soglia dei 2.000 miliardi".

Nei primi undici mesi dell’anno l’incremento del debito (113,9 miliardi) riflette il fabbisogno complessivo delle Amministrazioni pubbliche (73,0 miliardi), l’aumento delle attività del Tesoro presso la Banca d’Italia e degli impieghi della liquidità (34,9 miliardi) e l’emissione di titoli sotto la pari (6,4 miliardi); l’apprezzamento dell’euro ha ridotto il debito di 0,3 miliardi.

‘Alla crescita del debito nei primi 11 mesi del 2012 – spiega Bankitalia – ha contribuito per quasi 23 miliardi il sostegno dei Paesi dell’area dell’euro in difficoltà, comprendente la quota di competenza dell’Italia dei prestiti erogati dall’European Financial Stability Facility (EFSF) e il versamento effettuato in ottobre delle prime due tranches per la sottoscrizione del capitale dell’European Stability Mechanism".

Inoltre, ‘nel mese di novembre le entrate tributarie contabilizzate nel bilancio dello Stato sono state pari a 31,4 miliardi, in aumento di 1,4 rispetto a quelle dello stesso mese del 2011 (30,0 miliardi)’. E ‘nei primi undici mesi tali entrate sono ammontate a 340,7 miliardi, in aumento del 3,1% (10,2 miliardi) rispetto al corrispondente periodo del 2011 (330,6 miliardi)’. 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte