Natale a casa per i due marò italiani

I militari trattenuti in India da dieci mesi.
News Nazionali

Roma, 20 dic. (Adnkronos/Ign) – L’Alta Corte del Kerala ha accolto la richiesta presentata dai due marò, Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, di un permesso per le festività natalizie. Ne ha dato conferma parlando con l’Adnkronos, il console generale Gianpaolo Cutillo che ha spiegato: "La nostra istanza è stata accolta con alcune condizioni che dovremo meglio verificare dalla lettura dell’ordine" .

Secondo quanto si legge sul sito di ‘Ndtv’ i giudici indiani hanno fissato il rientro in India dei due militari italiani, accusati dell’uccisione di due pescatori indiani il 15 febbraio scorso, per il prossimo 10 gennaio. E hanno chiesto che sia versata una garanzia finanziaria di 60 milioni di rupie, pari a 826mila euro.

La corte ha inoltre chiesto alle autorità italiane che vengano forniti gli indirizzi, i numeri di telefono e un resoconto dettagliato dei movimenti dei due marò alla polizia di Kochi.

Dal momento che la sentenza dei giudici del Kerala è stata emessa nel pomeriggio inoltrato, le procedure burocratiche per la partenza di Latorre e e Girone potranno essere avviate domani mattina. Le procedure saranno svolte presso il tribunale di Kollam, dove sono depositati i passaporti dei due militari.

"E’ con grande sollievo che abbiamo appreso questa notizia" ha detto il ministro degli Esteri Giulio Terzi. Per il ministro "è una prova della sensibilità indiana per i valori più sentiti del popolo italiano in occasione dell’importante festività natalizia".

E il ministro della Difesa, Giampaolo Di Paola, sottolinea: ‘Massimliano Latorre e Salvatore Girone tra poche ore torneranno in Italia. Saranno ore lunghissime; le più lunghe di tutti questi dieci mesi. Saranno in licenza per festeggiare la più importante delle feste religiose per un cattolico, il Natale. E lo potranno fare avvolti dal calore delle loro famiglie. Il governo, tutto il governo, si è battuto per questo risultato. E c’è riuscito. Oggi è un giorno di festa’.

‘La magistratura del Kerala – continua Di Paola – ha premiato la grande umanità di cui è capace il popolo indiano. Ed ora sono fiducioso che la Corte Suprema di New Delhi, alla riapertura dopo le feste, sappia concedere la giurisdizione sul caso all’Italia; e, in tal modo, riconoscere le regole del diritto internazionale’.

Soddisfazione anche dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano che poi richiama tutti al rispetto degli accordi. Il capo dello Stato, nel suo intervento alla IX Conferenza degli ambasciatori italiani nel mondo, annuncia che questo pomeriggio, al Comando operativo interforze, si collegherà con i due marò, ‘contando che al loro rientro in India secondo gli accordi, potranno finalmente succedere decisioni della Suprema Corte indiana perché rientrino finalmente in patria per essere sottoposti alla giustizia italiana. Sarà quello – aggiunge – il coronamento degli sforzi della nostra diplomazia, degli appelli dell’opinione pubblica e della solidarietà di molti amici e alleati’. 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte