Pasqua, voglia di ‘verde’ e cultura: 10 mln in viaggio

Secondo una ricerca effettuata dal Cescat.
News Nazionali

Milano, 2 apr. (Adnkronos) – Sono 10 milioni circa le persone che si regalano una vacanza nel periodo pasquale, ma oltre alle classiche mete, c'è chi sceglie sempre più il relax e la campagna. Sono questi alcuni dei dati che emergono dalla ricerca effettuata dal Cescat, il Centro studi casa ambiente e territorio.

A 'fuggire' da Milano saranno 400mila persone (2,4milioni dalla Lombardia), ma si svuoteranno anche le altre grandi città del Nord: Torino (240mila), Genova (160mila), Bologna (120mila) e Firenze (90mila). Anche i romani non rinunceranno alle ferie: oltre 500mila sono pronti a mettersi in viaggio.

Numeri in leggero aumento rispetto al 2008, ma la durata dei soggiorni e la spesa pro capite diminuiscono lievemente. Buona la tenuta dei ristoratori: molti registrano il "tutto esaurito" nelle prenotazioni. Il 29% dei turisti sceglierà la montagna e i laghi (rispettivamente il 25,5% e il 3,5%). In cima alle preferenze il Trentino Alto Adige, seguito da Valle d'Aosta, lunga la lista dei laghi preferiti: Benaco, Maggiore, Lario, Orta, Iseo ma anche quelli laziali.

Il 19% sceglierà città d'arte o luoghi protagonisti di manifestazioni culturali (+8%), a segnare una crescita del 7% invece è il turismo 'ecologico' (scelto soprattutto dai giovani), legato agli oltre 18mila agriturismi presenti lungo tutta la Penisola.

A scegliere l'Italia saranno sempre più turisti asiatici (oltre 200mila) e dell'Est Europa, mentre resta stabile il turismo europeo (svizzero, francese e tedesco) e in leggero calo quello statunitense. Sulle strade italiane viaggieranno 7 milioni di turisti, a cui si aggiungeranno altri 8 milioni di automobilisti pronti a raggiungere parenti e amici. Tra i turisti utilizzeranno l'aereo per spostamenti interni 600mila persone e oltre 2 milioni il treno.

Fra le mete in crescita quelle legate al turismo termale, spa e benessere con oltre il 3%, più del 4% punterà su viaggi 'religiosi': Roma, Assisi, Firenze e Torino (in occasione dell'ostensione della Sacra Sindone dal 10 di aprile) e i Santuari (Pompei, Loreto, Oropa, San Giovanni Rotondo, Santa Rita Cascia). Non mancano i classici: le tradizionali mete 'marine' (38%) come Liguria, Toscana, Emilia Romagna, Sicilia, Campania (Costiera Amalfitana, Capri e Ischia), Puglia, Calabria e Sardegna. E c'è chi punta al risparmio: il 37% andrà da amici e parenti, in casa di proprietà o in affitto (quest'ultimo in decisa crescita del 15% rispetto al 2009). Restano un 'evergreen' le gite fuori porta di Pasquetta, storiche quelle ai Castelli romani.

Nel turismo 'domestico' gli spostamenti saranno prevalentemente brevi: nell'82% dei casi in giornata o uno o due pernottamenti. Nel restante 18% i viaggiatori effettueranno più pernottamenti prolungando il weekend festivo. Situazione opposta per gli oltre 2 milioni di stranieri per i quali nell'80% dei casi prevarrà un soggiorno di almeno tre notti.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati