Vittorio Emanuele rinviato a giudizio per associazione a delinquere. “Sono sereno”

La prima udienza del processo si terrà il 21 dicembre.
News Nazionali

Potenza, 23 set. (Adnkronos) – Vittorio Emanuele di Savoia a giudizio per associazione a delinquere finalizzata alla corruzione di pubblici funzionari. La decisione e' del gup di Potenza Luigi Barrella. La prima udienza del processo si terra' il 21 dicembre.

Vittorio Emanuele di Savoia, difeso dall'avvocato Francesco Murgia, era stato arrestato il 16 giugno del 2006 nell'ambito dell'inchiesta avviata dall'allora pm di Potenza Henry John Woodcock. All'udienza di oggi al posto di Woodcock, nel frattempo trasferito a Napoli, erano presenti i pubblici ministeri Laura Triassi e Salvatore Colella.

"Ho sentito mio padre ed e' sereno – commenta il figlio Emanuele Filiberto di Savoia. Ce lo aspettavamo e purtroppo da quello che si vede l'Italia funziona cosi'. I soldi andrebbero spesi in maniera piu' intelligente. Abbiamo fiducia nella giustizia italiana e nell'andamento del processo che ci sara'. Aspetteremo e vedremo quello che succedera'".

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte