Albert Lanièce torna al suo posto in Giunta. Nuovo incarico tecnico alla sanità

Nessun franco tiratore come, invece, si temeva alla vigilia. Popolo della libertà e Partito democratico si sono astenuti, mentre i consiglieri di Vallée d’Aoste Vive – Renouveau non hanno partecipato al voto, pur rimanendo in aula.
Da sx Augusto Rollandin e Albert Lanièce
Politica

Albert Lanièce è tornato a sedere sulla poltrona di assessore alla Sanità. Oggi, mercoledì 23 settembre, il Consiglio regionale ha confermato la fiducia con un incarico tecnico e con un voto compatto della maggioranza: 23 voti favorevoli. Nessun franco tiratore come, invece, si temeva alla vigilia. Popolo della libertà e Partito democratico si sono astenuti, mentre i consiglieri di Vallée d’Aoste Vive – Renouveau non hanno partecipato al voto, pur rimanendo in aula.

Voto compatto, anche se qualche tensione è emersa, soprattutto fra i banchi dell’Union Valdôtaine. “Fortunatamente il confronto nel movimento c’è stato, e oggi siamo qui per tradurre le decisioni del movimento – ha detto il capogruppo Uv, Diego Empereur”. Ma aggiunge: “Noi eletti siamo come dei soldati obbedienti. E come soldati obbedienti votiamo”. Una dichiarazione di voto che, evidentemente è rimasta indigesta al presidente della Regione, Augusto Rollandin che gli ha replicato: “Se siete soldati, non siete più solo soldati di leva. I soldati che sono qui hanno partecipato a un percorso politico e hanno scelto di essere soldati”.

Per il presidente della Regione la riproposizione del “tecnico” Albert Lanièce all’assessorato alla Sanità non è un segno di sfiducia verso i consiglieri eletti. “Ad inizio legislatura la scelta – ha detto – era legata ad alcune considerazioni: competenze professionali, profonda conoscenza dell’ospedale e del territorio. Queste capacità sono importanti nella gestione della programmazione da portare avanti nella legislatura”.

Le posizioni più dure, fra i banchi dell’opposizione, arrivano da VdA Vive, per bocca di Roberto Louvin. “Quella di oggi – ha dichiarato Louvin – è una pantomima messa in piedi per non cambiare nulla. Una Corte d’appello e una Corte di cassazione hanno detto che il candidato era ineleggibile, ma di questo non si vuole tenere conto. I panni sporchi l’Uv se li lavi in casa e non tenti di far dire a questo consiglio ciò che questo consiglio non ha da dire”. E da qui la decisione di non partecipare al voto.

Dal canto suo anche il Partito democratico si è espresso per la necessità di un nuovo assessore, soprattutto per imprimere un’accelerazione al governo della sanità. “In teoria, già il primo ottobre del 2008 – ha denunciato Gianni Rigo del Pd – Lanièce poteva essere indicato assessore tecnico per tutta la legislatura. Riproporlo oggi, significa non tenere conto del pronunciamento della cassazione. Siamo preoccupati: è incrinato il rapporto che i valdostani hanno nei confronti delle istituzioni e questo non fa che acuire l’indifferenza nei confronti della democrazia”. Un intervento, quello di Rigo, che ha scatenato le ire della Fédération. E a scaldarsi è, in particolare, Leonardo La Torre: “In modo subdolo cercate di far fibrillare questa maggioranza, ma non ci riuscite. Occhieggiate continuamente alle forze regionaliste forse in vista delle elezioni comunali. E se volete dare lezioni di coerenza, ricordo che Rigo prima dell’estate aveva detto che si sarebbe dimesso dalla presidenza della quinta Commissione consiliare. Ora lo invito a dimettersi per coerenza”. “Mai dichiarata una cosa del genere – ha ribattuto Rigo – ma se la mia presenza è d’impiccio e se me lo chiederanno i commissari, mi dimetterò trenta secondi dopo”.

Il Popolo della Libertà, rimasto l’unico partito a difendere oggi in aula la legge elettorale, ha chiesto una figura di assessore capace di dare impulso e risposte ai problemi della sanità valdostana, dopo un anno e mezzo di “apprendistato da parte di Lanièce”.  “Ci asteniamo – ha detto dai banchi del centro destra Massimo Lattanzi – perché è competenza e responsabilità del presidente della regione dare alla Valle una squadra di governo forte e capace. E’ quanto ci aspettiamo ora”.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte