Aosta Capitale della Cultura, la Regione pensa ad una legge ad hoc

La regione ha messo a bilancio "importanti investimenti sul patrimonio culturale". "Crediamo fortemente  in questa candidatura e attendiamo ovviamente l'esito della candidatura" ha spiegato in Consiglio regionale l'Assessore alla cultura Guichardaz.
Il sole illumina il Cardo Maximus nel solstizio d'inverno - foto di Enrico Romanzi
Politica

Se l’ufficio di presidenza del Consiglio regionale dice “no” all’appoggio dell’amministrazione comunale sulla candidatura di Aosta Capitale della Cultura, la Regione non solo ha già espresso il proprio sostegno, ma pensa anche ad una legge ad hoc.

A spiegarlo in aula rispondendo ad un question time di Pcp è stato l’Assessore regionale alla cultura Jean-Pierre Guichardaz. “Abbiamo deciso di sostenere la candidatura e parlo anche a nome del presidente con il quale abbiamo condiviso gli intenti, con l’impegno fattivo in particolare dell’assessorato che rappresento.  – ha spiegato Guichardaz – E’ stata individuata una figura di riferimento, la dottoressa Maria Cristina Ronc, che già durante l’estate ha collaborato alla stesura del dossier di candidatura fornendo contenuti e suggerimenti inediti e importanti. Non solo abbiamo già messo a bilancio importanti investimenti sul patrimonio culturale, sia per quanto attiene agli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria sui beni, sia nella riqualificazione ai servizi di intere aree archeologiche”.

L’Assessore ha quindi spiegato di aver formalizzato l’appoggio con una lettera di intenti trasmessa  in piazza Chanoux. “Crediamo fortemente  in questa candidatura e attendiamo ovviamente l’esito della candidatura. Credo che se Aosta vincerà, e noi pensiamo che abbia tutte le potenzialità per vincere, non potrà a nostro parere che rendersi necessaria una legge su Aosta capitale della cultura 2025 “.

Se Aosta non dovesse invece vincere la sfida con le altre 14 città candidate, il capoluogo regionale sarà comunque protagonista dei festeggiamenti per il 2050esimo anno della fondazione di Augusto Praetoria. “Può essere anche questa un’occasione per celebrare la città di Aosta e quindi per rafforzare gli investimenti a prescindere dall’esito della candidatura”.

Nella replica la consigliera di Pcp Erika Guichardaz ha espresso soddisfazione per la lettera di intenti della Regione: “Non si capisce però perché l’ufficio di presidenza abbia preso una strada diversa”.

Sulla questione il capogruppo della Lega Vda ha chiesto, a margine del question time, di aprire una discussione politica. Richiesta che però è stata respinta dalla conferenza dei capigruppo.

Una risposta

  1. Ma forse prima pensate a renderla decente questa città!!! Dehors ovunque senza criterio, musica ad altissimo volume in ogni locale, 0 rispetto x i residenti e le famiglie, solo rumore e sporcizia!! Il comune si disinteressa totalmente e le attività commerciali solo a far cassa… Rumore a ogni era, volumi improponibili, puzzo di cibo in ogni angolo e sporcizia. La scusa di commercio e “mantenere vivo il centro” ma il centro storico e invivibile!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte