Asili nido, individuati criteri e modalità per la concessione dei voucher

Il calcolo del voucher da riconoscere alle famiglie, anche monoparentali, sarà modulato sulla base del valore Isee e sarà vincolato alla frequenza dei servizi per la prima infanzia autorizzati e accreditati con un minimo di ore settimanali pari a 20.
Bambini all'asilo (immagine d'archivio)
Politica

Entrerà in vigore nel settembre 2019 il sistema di voucher sperimentale a favore delle famiglie con bambini iscritti e frequentanti i nidi di infanzia autorizzati e accreditati per il biennio 2019/2020 e 2020/2021.

Oggi la Giunta ha esaminato la deliberazione riguardante l’approvazione dei criteri e delle modalità di concessione, che dovrà ora passare al vaglio del Cpel. 

“Con questa delibera – spiega l’Assessore Mauro Baccega – si vuole approvare una nuova sperimentazione per introdurre un finanziamento indiretto dei servizi alla prima infanzia sostitutivo di quello attualmente in uso che comporta, invece, l’erogazione di finanziamenti diretti a favore dei nidi a titolarità pubblica”.

Il calcolo del voucher da riconoscere alle famiglie, anche monoparentali, sarà modulato sulla base del valore Isee e sarà vincolato alla frequenza dei servizi per la prima infanzia autorizzati e accreditati con un minimo di ore settimanali pari a 20. La sperimentazione sarà attivata nel Comune di Aosta e nelle Unités des Communes Valdôtaines interessate che manifesteranno la loro adesione entro il 30 aprile 2019.

“Gli esiti e gli impatti della sperimentazione – aggiunge l’Assessore – saranno valutati in itinere rispetto alla distribuzione della domanda, all’offerta autorizzata dei servizi, alle tipologie di frequenza dei nidi di infanzia (tra tempo pieno e diverse tipologie di part-time) e alle flessibilità di modulazione della frequenza part-time (orizzontale e verticale) proposte dagli enti gestori. Saranno valutati, inoltre, in base all’autoregolazione virtuosa del mercato, nonché all’indice di gradimento della popolazione servita sia per i livelli di qualità dei servizi erogati sia per la libertà di scelta tra un’offerta più ampia”.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica