Politica di Redazione AostaSera |

Ultima modifica: 31 Marzo 2019 11:47

Condanna Rollandin, PNV: “contrari a tentativi di destabilizzazione”

Aosta - Per bocca del coordinatore Fabio Gradi, PNV-Area Civica diffonde commenta la condanna per corruzione di Augusto Rollandin: "proseguiamo il percorso di cambiamento, intrapreso nel 2016, attraverso il dialogo, la trasparenza amministrativa ed il rispetto della legalità”.

Fabio Gradi

Il movimento del Presidente Antonio Fosson, per bocca del coordinatore Fabio Gradi, diffonde una nota all’indomani della condanna, in primo grado, per corruzione di Augusto Rollandin. “Diventa ancor più importante per tutti i movimenti valdostani – si legge nella nota – manifestare una ferma condanna di ogni tentativo di destabilizzazione dell’ordine democratico e di compromissione della libertà di voto dell’individuo”.

Nel ribadire, nella nota, come “siano stati proprio i suoi attuali rappresentanti in Consiglio Regionale, Consiglieri Fosson e Restano, a manifestare già a partire dall’ottobre 2016 le proprie riserve sulle modalità decisionali dell’ex Presidente della Giunta Regionale”, PNV-Area Civica dichiara di voler proseguire “il percorso di cambiamento, intrapreso nel 2016, attraverso il dialogo, la trasparenza amministrativa ed il rispetto della legalità”.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo