Consiglio regionale, debutta il nuovo gruppo Area civica, Stella Alpina e Pour Notre Vallée

Ne fanno parte Stefano Borrello, Pierluigi Marquis, Antonio Fosson, nuovo capogruppo, Claudio Restano e Carlo Norbiato, vice capogruppo. Polemiche in apertura dei lavori.
Restano e Fosson
Politica

Annunciato nei mesi scorsi è diventato realtà oggi il nuovo gruppo consiliare di Area Civica-Stella Alpina e Pour Notre Vallée di cui fanno parte Stefano Borrello, Pierluigi Marquis, Antonio Fosson, nuovo capogruppo, Claudio Restano e Carlo Norbiato, vice capogruppo. A darne comunicazione è stato in apertura dei lavori del consiglio regionale il presidente Andrea Rosset.

“Finalmente questo gruppo si è palesato” il primo commento di Roberto Cognetta del M5S che poi ha puntato i riflettori sulle manovre politiche in corso. “Vogliamo capire se questa maggioranza è ancora tale, se questo governo è nel pieno delle sue funzioni o sta per cambiare? Sarebbe opportuno capire chi fa che cosa? per capire anche chi risponde alle nostre istanze”.

“L’ennesimo gruppo, il decimo di questa legislatura” sottolinea Ego Perron “Un gruppo che ha già un primato, quello di occupare sei posizioni apicali, con il collega Fosson che incarna due presidenze”. Il capogruppo Uv la tocca poi piano: “Ci permettiamo di dare una lettura critica, di tipo politico: sotto la stessa bandiera si sono raggruppati gli stessi elementi quelli dell’opportunismo”.

A prendere la parola anche il capogruppo Uvp, Alessandro Nogara: “Questo gruppo si pone al centro, aspettiamo ora il nuovo progetto politico”. Nogara ha poi ricordato l’estate della politica valdostana: “Assieme ad altri tre gruppi autonomisti e federalisti abbiamo lavorato per predisporre un progetto politico per il futuro che può lanciare questa regione verso l’avvenire”.

Positivo il commento della capogruppo di Alpe, Patrizia Morelli che ha sottolineato l’apprezzamento nei confronti di questi colleghi “che hanno deciso liberalmente di semplificare il quadro politico”. Scettico Elso Gerandin di Mouv: "Questo gruppo non cambia nulla per gli interessi dei valdostani" così come Jean-Pierre Guichardaz del Pd: "Aggregazioni di questo tipo non sono utili alla Valle d'Aosta".

A ribadire le ragioni della scelta il capogruppo Antonio Fosson: “L’obiettivo è di dare maggiore sinergia ad un’azione che prima era frammentata, lavoreremo all’interno di questa maggioranza cercando di essere maggiormente propositivi e efficaci”.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica
Politica
Politica

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte