Elezioni politiche 2022: l’analisi delle votazioni tra preferenze e sorprese

Durante la giornata di ieri, domenica 25 settembre, circa 59 mila elettori - poco più del 60% - sui 98 valdostani aventi diritto al voto si sono recati alle urne; Rollandin perde nella sua Brusson ma il tandem Manes-Vesan trionfa nella Grand-Combin.
Elezioni politiche
Politica

Sono trascorse poco meno di ventiquattro ore dalla chiusura dei seggi che durante la giornata di ieri, domenica 25 settembre, hanno aperto le proprie porte a circa 59 mila elettoripoco più del 60% – sui 98 mila valdostani aventi diritto al voto. Nonostante la scarsa affluenza nonché 2.229 schede lasciate bianche e 3.511 schede pervenute invece nulle, il raggiungimento del quorum e le preferenze così espresse hanno visto trionfare Nicoletta Spelgatti per il Senato della Repubblica e Franco Manes per la Camera dei Deputati. Analizzando la situazione di eleggibili ed elettori in Valle d’Aosta, tuttavia, non mancano, accanto a qualche successo localmente inaspettato, sorprese e peculiarità elettorali.

L’en plein di Manes e Vesan nella Grand-Combin

Guardando nello specifico ai dati riguardanti le percentuali delle votazioni nei comuni che compongono l’Unité des Communes Grand-Combin, è semplice rendersi conto come esse sanciscano di fatto la vittoria schiacciante della lista “Vallée d’Aoste” di Manes e Vesan rispetto ai partiti concorrenti.

La media delle schede del sindaco di Doues, che nel suo comune ha ottenuto ben il 79% dei voti per un totale di 248 su 321 elettori, non risulta mai inferiore al 44% raggiunto a Gignod ma è in grado di toccare soglia 71% nel recentemente commissariato Saint-Oyen, restando comunque a oscillare tra il 47% di Roisan e il 65% di Oyace in tutti gli altri paesi.

Meno eclatante, invece, il risultato del collega presidente di “Fondazione Comunitaria”, che dai 25 voti di Oyace – il 28% del totale – rasenta i soli 78 voti a Saint-Oyen – il 61% del totale -, rimanendo fermo a una media del circa 50% del favore ottenuto.

Autonomisti-Centro destra: il testa a testa ad Aosta

Comune natio e residenziale di ambedue Rini e Spelgatti, il capoluogo aostano non ha tuttavia mancato di strizzare l’occhio ad altri candidati rivali sino a uno spettacolare testa a testa che ha visto l’avvocata superata anche se di poco dal rivale Vesan: su 15.828 votanti sono state infatti soltanto 4.746 – poco più del 32% degli elettori – le preferenze accordate alla capofila della lista nazionale “Forza Italia, Lega, Fratelli d’Italia e Noi Moderati”, contro le 5.004 – poco più del 34% degli elettori – del contendente della lista “Vallée d’Aoste”. Sottostimate anche le previsioni per la collega di partito, che nel capoluogo ha guadagnato 16.016 schede – poco meno del 30% – essendo così sorpassata dall’agguerrito Manes con le sue 20.763 schede.

La situazione aostana

Per ciò che concerne i partiti eletti alla Camera dei Deputati, seguono a ruota, dopo il primo posto di Manes e il secondo posto di Rini, Girardini con il 16,62% delle votazioni e Guichardaz con l’11,14% delle votazioni; meno sentite invece le forze di “Italia Sovrana e Popolare” di Loredana Augusta Ronc con un punteggio del 4,68%, “Unione Popolare” di Loredana De Rosa con un punteggio del 3,16% e “PCI” con un punteggio dell’1,98%.

Differente, però, il discorso per il Senato della Repubblica, dove, immediatamente dopo la medaglia d’oro di Spelgatti e la medaglia d’argento di Vesan, con un evidente distacco è salito sul gradino più basso del podio Rollandin con circa il 12% del favore aostano; chiudono la classifica, alfine, Bichini con 491 voti, Lucat con 423 voti, Leray con 331 voti e Bargan con 268 voti.

Sorprese elettorali

A destare maggiore stupore tra i valdostani al termine di queste elezioni politiche 2022 è forse la sconfitta di Rollandin nella sua normalmente fedelissima nonché natia Brusson, dove, su di un totale di 460 votanti, egli ha registrato soltanto 112 schede – poco più del 26% – restando alle spalle di Spelgatti con 142 schede e Vesan con 124 schede.

Amara sorpresa anche per Rini, che, oltre alla delusione aostana, nella sua natia Villeneuve ha guadagnato soltanto il 33% delle preferenze contro il 38% attribuito a Manes; non dissimile nemmeno la già citata situazione di Girardini, che nel capoluogo ha portato a casa soltanto 2.439 votazioni contro le 5.291 della lista “Vallée d’Aoste” e le 3.869 della lista nazionale “Forza Italia, Lega, Fratelli d’Italia e Noi Moderati”.

Nemmeno Pulz ha saputo convincere i cittadini di Valpelline, che le hanno regalato soltanto 73 schede su 297 votanti totali, preferendole invece Vesan con 94 schede e riservando qualche favore anche a Spelgatti con 60 schede; similari, ancora, i risultati conseguiti da Guichardaz a Gressan, dove sul totale dei 1.691 residenti aventi diritto al voto ella ha ottenuto soltanto 247 voti, restando così in coda a Manes con i suoi 484 voti, a Rini con i suoi 400 voti e a Girardini con i suoi 314 voti.

Un comune fedele

Tra i partiti che hanno ottenuto il maggior numero di preferenze ai seggi, particolarmente devota al loro concittadino Vesan si è dimostrata soltanto la popolazione dei 460 elettori di Chambave, dove le idee dell’autonomista hanno conquistato più della metà dei residenti, lasciandosi dietro un discreto 28% per Spelgatti nonché cifre al di sotto del 10% per gli altri partiti in gara.

2 risposte

  1. Spelgatti farà meno danni in Regione, bene che se ne vada a Roma dove conterà come il due di bastoni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte