Frizioni anche in Alpe, Louvin lascia il Consiglio Valle. Certan: “Informata via mail”

Le dimissioni di uno dei fondatori di Alpe dal Consiglio Valle spiazzano il segretario del partito: “Non ho ancora avuto modo di parlargli direttamente, ho saputo delle sue dimissioni via e-mail, intorno alle 11,30”.
Roberto Louvin
Politica

Sono dimissioni controverse, quelle di Roberto Louvin, da consigliere regionale di Alpe. Il classico “fulmine a ciel sereno” nei tormentati giorni di questa campagna elettorale. “I contorni delle mie dimissioni sono molto netti e sono strettamente legati a motivi personali e professionali. E su questo non c’è nulla da aggiungere” si limita a dire lo stesso Louvin.

Chi sembra quasi cadere dal pero è il segretario del movimento politico che lo stesso Louvin ha contribuito a fondare. “Esprimo il mio rammarico per la scelta di Robert – ha spiegato questo pomeriggio al telefono Chantal Certan, segretario di Alpe – anche se rispetto le sue motivazioni personali. Non ho ancora avuto modo di parlargli direttamente, ho saputo delle sue dimissioni via e-mail, intorno alle 11,30”. In pratica la stessa ora in cui l’ufficio stampa del Consiglio Valle ha diffuso la notizia con un comunicato stampa. Nessuna relazione con la scelta dei candidati per le prossime elezioni politiche? Certan sembra escludere questa ipotesi: “Robert era nella rosa delle dieci persone indicate come potenziali candidati. Visto che a nostro avviso aveva tutti i requisiti necessari per ricoprire quel ruolo, la Commissione politica ha deciso di proporgli il posto: si è preso 24 ore di tempo per decidere e quando ci ha detto di no, abbiamo scelto Patrizia Morelli”. Attriti in vista delle regionali? Anche in questo caso, i vertici di Alpe smentiscono. “Può essere che abbia deciso di dare corso a quel rinnovamento della politica che fa parte dei nostri programmi”, taglia corto Certan, che anche riguardo all’incertezza sulla volontà del collega di rimanere o meno nel partito, glissa: “Ripeto, non ne so nulla, ne parleremo quanto prima (nel pomeriggio, ndr) con il Direttivo”.

Louvin, però, non conferma e non smentisce le voci di possibili frizioni con il movimento che ha contribuito a fondare. Resta in Alpe o ci sono all’orizzonte altre dimissioni? “L’argomento non è all’ordine del giorno” dice raggiunto dalla nostra redazione. Però aggiunge: “Ho votato anche per i candidati delle elezioni politiche durante l’ultimo direttivo”.

Intanto è arrivato anche il commento del Capogruppo di Alpe in Consiglio Valle e candidata alle prossime elezioni politiche, Patrizia Morelli, che lo ha definito un “esempio di dedizione e di impegno serio e costante, sia nell’affrontare i dossier più importanti sia nell’attività corrente. Ciò che il Consiglio regionale perde con le dimissioni di Robert Louvin, in termini di stile, di esperienza e di competenze, sarà reso al mondo accademico, nel cui ambito gli auguriamo un meritato successo”.
 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte