Politica

Ultima modifica: 18 Febbraio 2010 0:00

Il movimento dell’ALPE al centro della prima rubrica politica “Votantoine”

Aosta - Inauguriamo oggi uno spazio per noi tutto nuovo. Votantoine, curata dal giovane Alessandro Mano, vuole essere uno sguardo un po' irriverente e colorato sul mondo della politica valdostana in un momento vivace come è quello della campagna elettorale

Votantoine

La colonna sonora è di quelle fastidiose: un martello pneumatico in un cantiere del Municipio di Aosta accompagna, nell'atmosfera rétro del Caffè Nazionale, il cantiere dell'ALPE. Guido Dondeynaz non è scaramantico, perché si presenta alla "prima" in gilet e cravatta viola. O forse vuole dare omaggio alle proteste del web e al "popolo del No B. day".

ALPE vedrà la luce sabato 27 febbraio, e come formazione autonomista, riformista e ambientalista vuole crearsi spazio nel centro-sinistra, iniziando dalla fusione tra Renouvau Valdôtain, Vallée d'Aoste Vive e Verdi alternativi, e puntando ad aprirsi alla società. Per questo motivo, oltre a molti fuoriusciti dal PD, cercherà di coinvolgere nel suo primo anno di vita persone estranee ai partiti, «per far loro verificare con mano se il nostro progetto è realmente diverso, se è davvero un soggetto nuovo e non la somma di tre partiti, come è successo in passato», spiega Dondeynaz. Il congresso fondativo sarà quindi tra dodici mesi.

Un cantiere aperto, per zittire gli scettici: ALPE, secondo i promotori, non sarà la solita minestra riscaldata, né tantomeno la proverbiale pappa pronta. «In questi mesi abbiamo creato un quadro in cui muoverci, ora lavoreremo agli incarichi interni e ai progetti concreti».

Il quadro, come nei migliori auspici, è variopinto. In sala si vede la tecnologia – nessuna cartella stampa, ma moderne chiavette USB – e c'è "Il fatto quotidiano" di Padellaro e Travaglio. Fuori, c'è una campagna di pubblicità virale non piaciuta al Palazzo, tanto che il Presidente della Regione – mai nominato dai presenti con nom et prénom – ha intimato e diffidato ALPE dall'uso politico della Carte Vallée sui propri cartelloni, il cui slogan era "Una Valle cattiva con i buoni".

«L'autonomia va riempita di partecipazione»: nell'anno zero dell'ALPE è la società civile, che al tavolo dei portavoce assume la forma e il volto di Piero Floris, a dettare tempi e temi del nuovo soggetto politico. Di nomi e di alleanze è presto per parlare, l'unica certezza saranno le primarie, a metà aprile: «Sono uno strumento del PD, le prendiamo a prestito da loro – spiega Gianpaolo Fedi, coordinatore uscente dei Verdi – quelle del PD sono le persone più vicine a noi politicamente, e ci piacerebbe molto riuscire a collaborare».

Il galletto del simbolo, è quello ormai noto: ha accompagnato gli elettori sulla scheda elettorale alle politiche 2006 e 2008 e delle europee 2009, e l'obiettivo è di sfruttare l'attesa di cambiamento che, in una parte dell'elettorato, trasmette. Questa volta però il galletto è girato: «Dà le spalle alla destra e guarda a sinistra», spiega Dondeynaz. A guardare il simbolo, sembrerebbe il contrario, ma i cinque portavoce spiegano che bisogna dargli le spalle. «Speriamo di non fare la fine dei segnavento sui tetti, che girano in base all'aria che tira», ironizzano in sala.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>