Nasce consigliovalle.tv, l’app per vedere le dirette del Consiglio regionale su smart tv

L'app, presentata dall'Ufficio di presidenza del Consiglio, è stata realizzata con risorse interne alla Regione. La decisione è stata presa dopo che lo scorso 30 giugno è scaduto il servizio di trasmissione in diretta sul canale digitale terrestre. Oltre all'applicazione è stato rinnovato il sito del Consiglio, con la nuova Mediateca.
L'app consigliovalle.tv
Politica

Si chiama consigliovalle.tv, ed è la nuova app – realizzata internamente dagli informatici della Regione – per seguire l’Assemblea di piazza Deffeyes attraverso smart tv, ovvero televisioni connesse a internet o dotando il proprio televisore di dispositivi che consentono di renderlo, appunto, smart.

La scelta – l’app sarà presto fruibile nei vari store -, arriva dopo che lo scorso 30 giugno è scaduto il servizio di trasmissione in diretta sul canale digitale terrestre delle adunanze del Consiglio regionale. Servizio individuato tramite gara europea nel 2016 e rinnovato fino al 2022.

La ratio della decisone l’ha spiegata, in conferenza stampa, il presidente del Consiglio Valle Alberto Bertin: “Già lo scorso anno, in Ufficio di presidenza, abbiamo ragionato se bandire o meno una nuova gara. Il segnale del digitale terrestre raggiungeva una popolazione dislocata essenzialmente ad Aosta, nella plaine e nella vallata centrale ma non in tutte quelle laterali. Abbiamo considerato anche i costi del servizio, circa 268mila euro annui, e dopo una stima costi benefici, visto che le dirette sono già trasmesse online sul sito internet dell’Assemblea e sul canale YouTube, abbiamo deciso di proporre alla Conferenza dei capigruppo, che ha approvato, di non procedere con servizio broadcasting su digitale terrestre ma di sviluppare una app compatibile con smart tv e le nuove tecnologie”.

Questo, dice Bertin, anche considerando “l’evoluzione delle nuove tecnologie e della diffusione che hanno avuto negli ultimi anni le tv connesse. Abbiamo voluto anticipare una necessità che in futuro si sarebbe comunque dovuta affrontare, cogliendo le nuove opportunità offerte dall’utilizzo delle nuove tecnologie”.

Non solo: “Il risparmio ora è di oltre il 70 per cento rispetto a costi precedenti questa decisione – ha aggiunto il presidente del Consiglio -. D’ora in poi i costi di gestione saranno bassissimi, dato che è realizzato tutto internamente. Si parla di qualche decina di migliaia di euro”.

L’app, gratuita, è presentata anche su un sito internet appositamente dedicato, che contiene informazioni, video, risposte alle domande frequenti. In questa prima fase l’applicazione sarà disponibile per i televisori Samsung e LG, marchi tra i più diffusi, mentre in seguito ci si dirigerà verso i sistemi Android.

La nuova sezione della mediateca del sito istituzionale

A questo si aggiunge un’altra novità, ovvero la nuova sezione del sito del Consiglio regionale dedicata alla mediateca, completamente rivista e con diversi aggiornamenti.

Tra le questi, la nuova interfaccia grafica per migliorare la navigazione e facilitare la ricerca di contenuti, la sottotitolazione di tutti i video on demand delle sedute consiliari a partire dal 21 aprile 2021, l’aggiornamento dei player di visualizzazione dei video – che migliora il sommario degli interventi, che ora rimane sempre visibile -, la revisione completa della sezione dedicata ai podcast (che prende il nome di “Ricerca interventi”, con filtri di ricerca avanzati e più campi sui quali effettuare le ricerche), l’introduzione della sezione “Ricerca testuale” (che consentirà di trovare tutte le sedute in cui una parola ricercata è stata pronunciata) e la razionalizzazione delle informazioni con una visualizzazione più intuitiva e la presenza della sezione “Raccolte” dove sono raggruppati i video per “Sedute del Consiglio”, “Commissioni” e “Eventi e iniziative”.

Tutto questo, chiude Bertin, “permette la fruizione anche alle persone non udenti, è accessibile a tutti, ha un’interfaccia grafica che porta ad una migliorare navigazione, la ricerca testuale dei contenuti mirata sulla parola per ogni seduta, la presenza sottotitoli per tutti gli interventi, la modalità picture in picture, gli interventi scaricabili ed i filtri di ricerca per ogni Legislatura”.

L'Ufficio di presidenza del Consiglio regionale
L’Ufficio di presidenza del Consiglio regionale. Da sx: Distort, Sammaritani, Bertin e Marguerettaz

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica