‘Ndrangheta, disposta la confisca dei beni del Clan dei Nirta

Per Giuseppe Nirta che al momento si trova in carcere a Bologna dove sconta una condanna a 7 anni e 8 mesi per narcotraffico internazionale, il tribunale ha disposto inoltre la misura di sorveglianza speciale per 5 anni con divieto di soggiorno in Valle.
Giuseppe Nirta
Politica

Dopo la convalida del maxi sequestro dello scorso gennaio, oggi il tribunale di Aosta ha disposto la confisca dei beni riconducibili a Giuseppe Nirta, di 60 anni, di Quart, che secondo la Procura di Torino provengono da attività illecite. L’uomo, che al momento si trova in carcere a Bologna dove sconta una condanna a 7 anni e 8 mesi per narcotraffico internazionale, era stato arrestato nel giugno del 2009 dai carabinieri di Aosta e del Ros, coordinati dalla Dda di Torino.

Tra i beni che erano stati posti sotto sequestro dai carabinieri ci sono 933 mila franchi svizzeri e 16 immobili, di cui dieci nel comune di Quart. In particolare un’abitazione in località Champeille, una a Rovarey e due in villaggio La Balma. Nello stesso comune erano stati sequestrati quattro terreni (di cui un vigneto), intestati alla moglie, analogamente a tre immobili a Bovalino (Rc) e una Fiat 500. Tra i beni sequestrati, risultano intestati ai figli di Giuseppe Nirta sette dei dieci immobili di Quart (di cui tutte le abitazioni ad esclusione di quella in località Champeille) e due magazzini ad Aosta. Oltre ai tre immobili di Quart (tra cui l’abitazione in località Champeille) a Giuseppe Nirta erano stati sequestrati un magazzino a Charvensod e una Fiat Panda.

Per lo stesso Giuseppe Nirta, il tribunale ha disposto la misura di sorveglianza speciale per 5 anni (per quando uscirà dal carcere) con divieto di soggiorno in Valle d’Aosta. Contro il decreto di confisca depositato oggi, Giuseppe Nirta e i suoi familiari potranno ricorrere in Appello a Torino entro 10 giorni. 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica
Politica