Nella campagna elettorale sbarca “il people mover” Antonio Di Pietro

Di Pietro ipotizza ricatti, associazione mafiosa e truffa: "Se io fossi un magistrato rileverei due capi d'imputazione". E la coalizione tra autonomisti e centro-destra reagisce a stretto giro di posta: "gratuite illazioni altamente lesive della libertà..
Votantoine
Politica

Antonio Di Pietro è un people mover: anche se arriva in ritardo e riparte di corsa, sposta le folle. Non aspettatevi i classici "se è vero com'è vero" o "che c'azzecca": il leader dell'Italia dei Valori è arrivato ad Aosta ed è passato ai più truci "associazione a delinquere di stampo mafioso" e "truffa aggravata" per spiegare ai suoi l'accordo degli autonomisti con PdL e Lega.

Se io fossi un magistrato…
Di Pietro ipotizza ricatti, associazione mafiosa e truffa: "Se io fossi un magistrato rileverei due capi d'imputazione". E la coalizione tra autonomisti e centro-destra reagisce a stretto giro di posta: "Affermazioni deliranti e infondate", "gratuite illazioni altamente lesive della libertà delle forze politiche", "attacchi di spregio". I leader delle cinque forze non intendono "lasciarci trascinare sul terreno dell’insulto e della calunnia". Preludio di una querela? Di Pietro non la teme: pare ami molto la cucina valdostana, e una puntatina in qualche ristorante vicino al tribunale di Aosta la farebbe volentieri.

Branché sur les faits divers
Di Pietro parla per dieci minuti, ma scatena il putiferio. E la linea del PD di "continuità con l'amministrazione uscente" va a farsi benedire.
I recenti fatti di cronaca parlano di 'ndrangheta anche in Valle? Di Pietro dice che "tra Aosta e Platì non c'è molta differenza: il voto viene comprato e venduto, anzi svenduto. In Calabria vince la logica della violenza, qui gli accordi vengono fatti con sfacciataggine alla luce del sole".

Cassa integrazione nucleare

I lavoratori della Engeneering di Pont-Saint-Martin manifestano contro la cassa integrazione? "Dove ci sono aziende che falliscono" e con "le casse dello Stato così vuote che non ci sono nemmeno i soldi per mangiare" la coalizione di centro-destra dice che "la metropolitana è una priorità: mi ricorda il caso di Campobasso, che si attraversa a piedi, dove si vuole costruire un metrò sotterraneo con due sole stazioni. Magari, una volta in municipio, ci spariamo anche una bella centrale nucleare".

In mezzo al guado
Il leader dell'IdV – anzi, "noi dell'Italia dei Valori", come ripete a cantilena – si lancia in paralleli ardimentosi riferendosi all'ALPE: "Ci siamo presi la responsabilità di fare l’alleanza con il PD, mi dispiace che gli altri non siano convenuti. L'idea di stare in mezzo è quella di Casini e dell'UdC, con la loro politica delle poltrone da vecchi democristiani, e noi diciamo no alle ambiguità". Il parallelo tra UdC e ALPE, ma l'amore dei valori verso i possibili alleati alpisti è condiviso anche a livello nazionale.

La gara dell'etica
Lorella Vezza, da buona ex di Renouveau, ex candidata alleata del Galletto ed ex coordinatrice delle donne IdV, spara sull'UV: "Non sono il nuovo". E aggiunge: "Candidano due sindaci (lapsus, ndr) come Giordano e Follien che potrebbero sembrare il gatto e la volpe, ma sappiamo benissimo che la volpe è in un altro palazzo". Di Pietro definisce il suo partito il "motore del cambiamento nel modo di fare politica": odi et amo con ALPE, che dice le stesse cose.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica
Politica
Politica

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte