Polemica sul nuovo sito del Comune. Pd “Dopo due mesi di vita è già da migliorare”

Secondo il Pd che ha presentato una mozione in Consiglio il sito “è lento, le traduzioni sono incomplete, il motore di ricerca interno non funziona e non risponde ai parametri di legge sull'accessibilità. Paron: "novità di cui la giunta è orgogliosa"
La homepage del sito del Comune di Aosta
Politica

“Ci aspettavamo una Ferrari, che dovrebbe essere eccellente e priva di difetti”: invece il nuovo sito internet del Comune di Aosta “è lento, le traduzioni sono incomplete, il motore di ricerca interno non funziona” e il sito non risponde ai parametri di legge “che prevedono accessibilità, usabilità e sicurezza”. Lo ha sostenuto Giuliana Ferrero presentando una mozione sul tema nel Consiglio comunale di oggi. “84 mila euro sembrano una cifra un tantino impegnativa – ha sostenuto la consigliera del Partito Democratico – e per questo vorrei aprire un dibattito politico e tecnico:
credo che il restyling del sito web non fosse una priorità, e soprattutto se fosse toccato a noi il governo della città non avremmo in alcun modo speso una cifra simile”.

“Non ricordo la medesima attenzione mediatica per il vecchio sito del Comune – ha replicato Andrea Paron, assessore all’Innovazione tecnologica – e, allo stesso modo, nessuno spende una parola per dire che l’immagine in rete del Comune di Aosta è migliorata. Avevamo già preventivato le critiche e la consueta gara alla ricerca dell’ago nel pagliaio, ma è una novità di cui la giunta è orgogliosa”.

In merito agli aspetti tecnici, Paron si è riservato di rispondere in un secondo momento perché la mozione originale non conteneva molti degli aspetti toccati in aula. Da quando il sito è online,
“gli accessi sono aumentati dell’80 per cento”.

Contestualmente al sito web, che era uno degli obiettivi della giunta Giordano per i primi cento giorni di amministrazione, è stato attivato anche un servizio di sms per la popolazione, costato 16 mila euro, che “sarà attivato entro fine mese”, ha detto Paron. “Il prezzo di mercato è molto
inferiore alla cifra spesa dal Comune – ha controreplicato la Ferrero – e la rivisitazione estetica ha reso il sito un imbuto, con molti passaggi e clic in più da fare per cercare informazioni rispetto al precedente. Dopo due mesi di vita, il sito andrebbe già migliorato”.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica
Politica

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte