Politica di Silvia Savoye |

Ultima modifica: 20 Dicembre 2019 19:22

Presidente/Prefetto, Di Maio si schiera con Tripodi: “E’ inaccettabile”

Aosta - "C’è sicuramente un problema alla base che va risolto. - scrive su Fb Luigi Di Maio - I valdostani infatti devono avere una figura terza che possa garantire legalità e giustizia nella propria Regione. Una figura che certamente non può essere “politica”."

Immagine di archivio - Luigi di Maio ad Aosta per il Firma Day

“Nei giorni scorsi molti di voi avranno letto la notizia relativa alle dimissioni del presidente della Regione Valle d’Aosta, Antonio Fosson. La motivazione? Fosson è indagato per scambio elettorale politico mafioso nell’ambito di un’inchiesta condotta dalla Dda di Torino. Accuse pesanti, perché si parla di condizionamento della ‘ndrangheta nelle elezioni regionali 2018 proprio in Valle d’Aosta”. Sceglie il giorno della visita di Matteo Salvini ad Aosta, Luigi Di Maio per commentare quanto sta accadendo in Valle d’Aosta.

In un lungo post su Facebook il Ministro degli Affari Esteri interviene sull'”anomalia” valdostana: le funzioni di prefetto e presidente della regione ricoperte dalla stessa persona.

“In buona sostanza i valdostani si sono ritrovati non solo con il presidente della Regione indagato, ma anche con il Prefetto. Davvero surreale. Capirete bene che tutto questo è inaccettabile.” scrive Di Maio “C’è sicuramente un problema alla base che va risolto. I valdostani infatti devono avere una figura terza che possa garantire legalità e giustizia nella propria Regione. Una figura che certamente non può essere “politica”.”

La separazione delle funzioni di presidente e prefetto era nel programma del M5S ed è stato di nuovo sollevato nei giorni alla Camera dalla deputata grillina, Elia Tripodi.

“La nostra portavoce alla Camera, Elisa Tripodi, ha più volte presentato istanze per slegare la figura del presidente della Regione da quella di Prefetto.  – ricorda il Ministro grillino – Questo permetterebbe di garantire “terzietà” per i cittadini. E alla luce dell’ultima inchiesta, questo passaggio sarebbe fondamentale. Ma sapete però qual è il paradosso? Che Elisa Tripodi, dopo aver presentato mercoledì un Question Time per ribadire ancora una volta la posizione sul tema del MoVimento 5 Stelle, ha ricevuto attacchi dai media e da alcuni soggetti politici”.

Luigi Di Maio definisce, quindi, gli attacchi a Tripodi “basati su motivi inesistenti”. Poi mette i puntini sulle “i”: “Giusto per essere chiari: nessuno vuole mettere in discussione l’autonomia della Valle d’Aosta, ma non si può tollerare che invece di finire al centro del dibattito pubblico un fatto così grave come l’inchiesta che ha portato alle dimissioni del presidente della Regione, ci sia qualcuno che prende di mira la nostra portavoce.”

Infine l’annuncio. “Nei prossimi giorni organizzeremo un’iniziativa di sensibilizzazione proprio in Valle d’Aosta, rivolta ai cittadini, dove chiederemo anche il supporto dei media. Perché, quando accadono fatti così gravi, nessuno deve pensare di girarsi dall’altro lato. A nessun livello, né locale né nazionale. Stare in silenzio significa essere complici di un sistema marcio e squallido che troppo spesso vede l’intreccio di interessi affaristici tra politica e criminalità. Tutto il MoVimento è accanto a Elisa Tripodi che con forza sta portando avanti una battaglia equa per garantire il rispetto della legalità in Valle d’Aosta”.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>