Roberto Cognetta sbeffeggia la Stella Alpina: “Siete ridicoli”

Il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle non sarà presente al congresso della Stella Alpina, in programma sabato 7 maggio prossimo a Pollein, ma ha voluto esprimere il proprio pensiero in una lettera inviata ai congressisti.
Politica

Non andrà al congresso della Stella Alpina, in programma sabato 7 maggio prossimo a Pollein, ma ciò che voleva dire, Roberto Cognetta, consigliere regionale del Movimento 5 Stelle, lo ha messo nero su bianco in una lettera di fuoco, inviata ai congressisti dell’Edelweiss.

Cognetta inizia la sua missiva con una serie di domande, rivolte alla dirigenza di Stella Alpina. "Temete la réunion in quanto dopo rischiate di contare molto meno nella spartizione dei posti di sottogoverno?". E poi ammonisce. "Credo che i tanti cittadini che si sono avvicinati al vostro movimento negli anni, se ne sono poi allontanati quando hanno capito che il vostro unico scopo politico è la gestione e spartizione del potere, per poi gestire le consulenze, gli affidi diretti e altro, vedi i verbali SITRASB. In questo, voi siete i numeri due in Valle d’Aosta, dopo l’Union ovviamente, e, secondo me, è giusto ricordarlo, è la vostra concezione della politica".

I toni, proseguendo nella lettura della lettera, rimangono accesi. "A voi, gruppo dirigente della Stella Alpina, non interessa fare nulla che non abbia un tornaconto personale o di gruppo. Di tutto ciò che non ha un ritorno, non è importante occuparsene". 

Cognetta poi attacca il "programma" di 7 punti fondamentali per il rilancio dell’economia, presentati nei giorni scorsi da Stella Alpina. "Ehi stelluti, ma ve lo ricordate che siete voi al governo? Vi siete svegliati adesso? Se questo è il vostro risveglio dal coma politico, sappiate che quei sette punti sono stati discussi da noi e dalle altre forze politiche d’opposizione mentre eravate in coma. Peccato dormiste. Siete ridicoli". Anche sull’esito del congresso Edelweiss, il consigliere a 5 stelle ha le idee chiare. "Il documento programmatico di sintesi in sostanza dirà: toccateci tutto ma non le nostre poltrone. E dei valdostani che ci importa? Nulla tanto noi e i nostri amici abbiamo la pancia piena".

La conclusione è affidata ad un appello ai tanti militanti di Stella Alpina: "Se non vi riconoscete più nel modo di fare politica del vostro movimento, vi ricordo che esiste un altro movimento che di stelle ne ha 5, dove si lavora per il bene dei cittadini e non per portare voti e spartirsi poltrone e favori. Quindi chi crede ancora nella politica con la P maiuscola è bene accetto, mentre chi crede nella politica clientelare può venire lo stesso da noi per rendersi conto dal vivo che esiste un altro tipo di politica".

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica