“Dimmi cosa bevi e ti dirò chi sei”, da martedì le video interviste ai candidati delle politiche

Da domani e fino a sabato vi presenteremo due video, uno al mattino, con i candidati della Camera dei deputati, e uno al pomeriggio, con i candidati del Senato della Repubblica.
Lancio Election Box
Politica

Dopo aver bevuto, loro, e ascoltato, noi, siamo pronti per presentarvi i candidati alle prossime elezioni politiche del 25 settembre, che hanno deciso di mettersi in gioco nel nostro nuovo format “Dimmi cosa bevi e ti dirò chi sei”. 

Prima di ricordarvi le regole delle interviste, due parole sulle scelte effettuate. Partiamo dal fondo, la pubblicazione delle video interviste inizierà martedì 6 settembre. Da domani e fino a sabato vi presenteremo due video, uno al mattino, con i candidati della Camera dei deputati, e uno al pomeriggio, con i candidati del Senato della Repubblica. L’ordine di pubblicazione seguirà quello di comparizione sulla scheda elettorale. Tutti i candidati alla competizione elettorale sono stati invitati, ma non tutti hanno aderito o risposto all’invito. All’appello mancano i candidati di Pci Federazione della Valle d’Aosta che hanno declinato la proposta, ritenendo i tempi concessi per rispondere alle domande troppo stretti, e i candidati di Italia Sovrana e Popolare e la candidata di Vita, che non hanno risposto all’invito.

Veniamo poi alle domande poste nelle interviste. I temi scelti sono quelli della campagna elettorale flash, che oggi più che mai impongono anche agli aspiranti parlamentari valdostani di “guardare oltre” Pont-Saint-Martin ma anche oltre Roma, a caccia di soluzioni per problemi intricati. Quattro le domande  – che i candidati non conoscevano prima – per ciascuna intervista, con risposte da un minuto: una legata più al tema dei diritti, una sui temi dell’economia, un’altra più di attualità e una quarta legata più a questioni valdostane.  A disposizione dei candidati ulteriori 30 secondi: 15 per dire un tema a loro caro sul quale si spenderanno in caso di elezione in Parlamento e 15 per l’appello finale al voto. In tutto sei minuti circa di intervista. Per chi ha sforato – i tempi dell’online non perdonano – si è abbattuta la “mannaia” del montaggio.

L’obiettivo del format era semplice e complesso allo stesso tempo: “svelare” un po’ di più la “persona” che c’è dietro una candidata o un candidato, la sua sensibilità verso alcuni temi specifici e la sua idea di quello che politica fa (o dovrebbe fare) ed è (o dovrebbe essere).

Prima di rispondere alle domande sulla campagna elettorale i candidati sono stati invitati a bere un drink, in video intervista, (quasi) conviviale ma arrembante e dai tempi stretti.

Noi siamo (quasi) pronti, e (speriamo) anche i candidati. E allora, entrando in questa campagna-lampo verso le Politiche, che aperò elettorale sia. Sempre tenendo a mente, forse un po’ romanticamente, l’importanza di un appuntamento elettorale di questo tipo. O per dirla con il filosofo tedesco Friedrich Schiller – uno che di romanticismo se ne intendeva, diciamo – “I voti si devono pesare e non contare”.

2 risposte

    1. Verissimo. In realtà volevo dire che per la prima volta la campagna elettorale – a livello nazionale perché a noi è toccata solamente due anni fa per Regionali e Comunali assieme – si svolge durante l’estate. Errore corretto, grazie per la segnalazione.

      Saluti,
      LV

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica
Politica
Politica

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte