Contenuto Pubblicitario

Al via “Aosta Classica” 2021: cinque concerti da Aosta ai 4mila

Nel cartellone le esibizioni di Raphael Gualazzi e Simona Molinari (4 agosto, Aosta), Edoardo Bennato (5 agosto, Courmayeur), Ermal Meta (6 agosto, Ayas), Arisa (7 agosto, Breuil-Cervinia-Valtournenche) e Fabrizio Moro (9 agosto, Cogne).
Aosta Classica 2021.
Pubbliredazionali

La rassegna musicale “Aosta Classica” torna per il 2021, tagliando il traguardo della ventiseiesima edizione, e ripropone la formula collaudata con successo lo scorso anno: “Da Aosta ai 4mila”. Dei cinque concerti in cartellone, uno si terrà nel capoluogo regionale e gli altri ai piedi di ognuna delle vette oltre i 4mila metri della Valle – Monte Bianco, Monte Rosa, Cervino e Gran Paradiso – con gli eventi quindi previsti a Courmayeur, Ayas, Cervinia e Cogne.

Il cartellone si aprirà il prossimo 4 agosto alle 21,30, nell’area degli scavi archeologici del teatro romano di Aosta, con l’esibizione di Raphael Gualazzi e Simona Molinari. Quindi, e con inizio alle 16, seguiranno i concerti di: Edoardo Bennato (5 agosto, in località Dolonne a Courmayeur); Ermal Meta (6 agosto, all’Alpe Ciarcerio di Ayas, nel comprensorio del Monterosaski); Arisa (7 agosto, alla chiesetta degli Alpini di Breuil-Cervinia, a Valtournenche); Fabrizio Moro (9 agosto, al Belvedere Gimillan a Cogne). Tutti i concerti sono ad ingresso gratuito (con prenotazione obbligatoria).

Il festival applicherà tutte le disposizioni in materia di contenimento del Covid-19: i concerti saranno fruibili al massimo da mille persone e verrà posta la massima attenzione alle misure quali il distanziamento, che dovrà essere rigorosamente osservato da tutti i partecipanti. Le prenotazioni agli eventi sono disponibili a partire dal 19 luglio, sulla piattaforma “Event Brite”, ad eccezione del concerto di Ayas, per cui la richiesta di partecipazione dovrà essere inoltrata agli uffici della “Monterosa Spa”. Sempre nel caso dello show di Ermal Meta, occorrerà anche acquistare il biglietto (andata e ritorno) della funicolare da Frachey all’Alpe Ciarcerio.

I partecipanti dovranno fornire le generalità personali e di eventuali accompagnatori. Sono disponibili posti per le persone con disabilità motorie, da richiedere all’indirizzo e-mail del festival (sono in quantità limitata, farà fede l’ordine di arrivo delle domande). L’idea alla base di “Aosta Classica” è proporre concerti non limitati ad una fruizione locale, ma in grado di avere anche una risonanza nazionale ed internazionale attraverso i media. Per questo, anche per l’edizione al via, gli organizzatori hanno raggiunto un accordo con la Rai, per cui tutte le esibizioni in cartellone verranno trasmesse su Radio Rai Tutta Italiana, attraverso i canali social, dab, web e satellite.

Una partnership dalle potenzialità rilevanti, se si pensa che nel 2020 i cinque concerti organizzati hanno avuto circa 800mila contatti durante le dirette Facebook. “Aosta Classica” è possibile grazie al sostegno delle amministrazioni comunali di Aosta, Courmayeur, Ayas, Valtournenche e Cogne, dell’assessorato regionale al Turismo e Beni Culturali e alla Presidenza del Consiglio regionale, nonché dei partner storici del festival, come la Fondazione Crt e Cva.

Per informazioni:
Associazione culturale Aosta Classica
Viale Conte Crotti, 41
Aosta

Tel. 0165 361164

E-mail

Sito web

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Pubbliredazionali
Pubbliredazionali