Contenuto Pubblicitario

Da oggi in edicola il Messager Valdôtain 2022

L'Almanacco arriva con oltre 300 pagine di informazioni e storie, fatti e aneddoti che ripercorrere l’anno che sta chiudendo. Non mancano come sempre il calendario illustrato con le vedute panoramiche di Stefano Venturini e l’agenda. 
Messager
Pubbliredazionali

L’attesa è finita. Puntuale come sempre è arrivato il Messager Valdôtain, edito dalla Tipografia valdostana, l’almanacco che racconta da decenni la storia e la quotidianità valdostana. Da oggi, sabato 4 dicembre, sarà in edicola così da soddisfare l’attesa dei moltissimi affezionati.

L’Almanacco arriva con oltre 300 pagine di informazioni e storie, fatti e aneddoti che ripercorrere l’anno che sta chiudendo. Non mancano come sempre il calendario illustrato con le vedute panoramiche di Stefano Venturini e l’agenda.

Messager
Messager

Aprono il volume i messaggi augurali della redazione e delle massime autorità regionali. Tutti pongono l’accento sulle grandi sfide che, nel 2021, hanno animato il dibattito politico e la comunità scientifica, impegnandosi alla messa in opera di soluzioni concrete e durature: la lotta contro la Pandemia e gli interventi per arginare la crisi socio-economica che ha prodotto, nonché le misure volte a contenere gli effetti dei cambiamenti climatici.

Seguono i diversi articoli che fanno da cornice alle cronache dai singoli comuni della Valle. Il primo importante contributo, dedicato come sempre alla storia di una comunità valdostana, riguarda la parrocchia di La Salle, che vantava uno dei più antichi ospedali, risalente al 1282, e dato alle fiamme dalle truppe francesi nel 1691.
In linea con la tradizione degli almanacchi, anche quest’anno il Messager riserva ampio spazio agli anniversari rievocati e celebrati nel 2021: tra questi il bicentenario della morte di Napoleone Bonaparte, il cui declino, nello sperduto esilio di Sant’Elena, contribuì a consolidarne il mito, e il centenario della deposizione presso l’Altare della Patria della salma del Milite Ignoto, a memoria dei caduti non identificati di tutte le guerre.

In ambito più strettamente regionale sono ricordati i 125 anni di attività della Tipografia Valdostana, nata nel 1896 come Imprimerie Catholique, da cui nel 1911 uscì il 1° numero del Messager Valdôtain; i 100 anni dello Sci Club Gran Paradiso, fondato a Cogne l’8 marzo 1921 da Ermenegildo Perruchon; il centenario, che ricorrerà nel 2022, dell’istituzione del Parco Nazionale del Gran Paradiso, sorto sui territori della riserva reale di caccia, finalizzato alla protezione degli animali delle nostre Alpi; l’analisi di due anni di Covid-19 in Valle d’Aosta, e le misure adottate per contenere la pandemia; una rassegna di produzioni e attività cinematografiche in Valle, ad opera di autori e registi valdostani, ma anche di importanti produzioni straniere; i 50 anni di attività della Caritas in Valle d’Aosta al servizio dei poveri e dei disagiati, anche in occasione di tragici eventi come l’alluvione del 2000; un altro cinquantennale riguarda il Vallée d’Aoste Donnas, primo vino valdostano ad aver ottenuto la Denominazione d’Origine Controllata, definito il “fratello montano del Barolo”.

Fra gli anniversari figurano inoltre i ritratti di personaggi che, a diverso titolo, hanno lasciato un’impronta nella storia della Regione o le hanno dato lustro anche al di fuori dei suoi confini: l’abbé Joseph Trèves nell’80° anniversario della morte, fervente ispiratore delle rivendicazioni regionaliste nel ventennio 1920-1940; la grande promessa dello sci olimpico Leonardo David, nato nel 1960 a Gressoney-La-Trinité e scomparso nel 1985 dopo sei anni di coma dal tragico incidente; Denise Grey, l’attrice di cinema e teatro più amata dai francesi, ma nata a Châtillon come Édouardine Verthuy, deceduta centenaria 25 anni or sono dopo aver calcato le scene fino all’età di 95 anni.

A fianco degli anniversari i lettori interessati al passato e gli appassionati di storia troveranno altri inserti, dalle notizie estrapolate dai giornali del 1922, al proseguimento della storia dello Stato sabaudo, focalizzata quest’anno sull’operato del duca Emanuele Filiberto; fino ad un contributo dedicato alle coppelle di epoca neolitica incise sulla roccia a Lillianes e Montjovet, raffiguranti l’ammasso stellare delle Pleiadi, la cui apparizione, presso antiche culture in varie parti del mondo, scandiva i tempi della semina e dei raccolti.

Non mancano, anche in questa edizione, i rendiconti di alcune manifestazioni che ricorrono con cadenza annuale: la Festa della Valle d’Aosta, il 59° Concours Cerlogne; la 45a Rencontre des émigrés ad Arnad e le finali della Bataille des reines.

Presenti infine, come sempre, le pagine dedicate alla narrativa, alla poesia, all’umorismo e allo sport.

La presentazione del Messager Valdôtain Da sx Bertin Lavevaz e Calderola
La presentazione del Messager Valdôtain Da sx Bertin Lavevaz e Calderola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Pubbliredazionali
Pubbliredazionali